massoneria 666 patriottica

Re Israele Kingdom Universal Unius REI brotherhood ] questo è lo scenario [ se, io non sarò il Re di ISRAELE: lorenzoJHWH, e il procuratore governatore su tutte le Nazioni: Unius REI, con questa imminente terza guerra mondiale nucleare spariranno Islam e Ebraismo, non ci sarà un altro Messia dopo di me, non ci potrebbe più essere, e non ci sarà un Terzo Tempio Ebraico! ] e dopo l’omicidio del autista di Putin sono patetici i Governi del mondo, se pensano che ci possa essere una Massoneria patriottica della CIA NWO!

Attorno a Putin qualcuno allunga il “Body Count” [ Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR ] [ la CIA ha ucciso l’autista del Presidente Putin ] i poter occulti demoniaci soprannaturali ed esoterici: per questo gli islamici portano la gonna, per indossare i pannoloni! [ Chi ha visto il video delle telecamere di sorveglianza non può credere alla tragedia fortuita una Mercedes a velocità assolutamente folle devia sulla corsia opposta e colpisce, fra le cento vetture che filano sul viale Kutuzovsky, la BMW ufficiale del presidente Putin. Scontro frontale. Tanto violento da uccidere il guidatore, l’autista di fiducia di Vladimir Vladimirovic — un uomo sperimentato, addestrato agli imprevisti, quasi di certo un uomo dei servizi, su una delle auto sicuramente più blindate che esistano sulla Terra. Non sappiamo, né forse sapremo mai come si chiamava. Putin non era a bordo. Si può esser certi che se fosse stato su quella BMW ufficiale, un tale incidente non avrebbe potuto aver luogo, dato che in questo caso è preceduto, affiancato e seguito da auto della sicurezza, convogli a volte di 90 automezzi. Ma l’uccisione di una persona amica, a lui vicina da anni, è un colpo diretto, e un avvertimento a lui.. Subito sul web un pullulare di sospetti. Fra cui quello che la Mercedes investitrice (il cui guidatore è, dicono, fra la vita e la morte in un ospedale) sia stata “dirottata” a distanza, con un sistema di teleguida e trasformata in un drone letale su gomma. Ipotesi del tutto plausibile, dato che le più recenti auto di lusso sono dotate di guida autonoma potenziale. Del resto al vertice G20 di Hangzou in Cina, solo pochi giorni fa, Obama ha fra l’altro minacciato Putin direttamente di “cyberwar”, di guerra cibernetica, come ritorsione per le presunte intrusioni di hacker russi nei computer del Partito Democratico e nelle mail di Hillary….: “Gli Stati Uniti hanno più capacità di guerra cibernetica di qualunque altro stato, sia difensiva sia offensiva”. Potrebbe esser questo un primo luttuoso avvertimento? Official welcome of G20 leaders by Russian President Vladimir Putin Host photo agency G20, al via l’incontro tra Obama e Putin sulla Siria Sappiamo troppo poco per scavare in queste ipotesi. Notiamo che il “Body Count — il conto dei cadaveri, come in Usa vien chiamato l’elenco degli uccisi che potevano creare problemi ai Clinton — si sta allungando anche attorno a Vladimir Putin, e si allunga. L’autista di fiducia è il quarto della lista, che comprende pezzi molto grossi. C’è Christophe de Margerie, l’amministratore delegato della petrolifera francese Total, il cui Falcon 50 si schiantò all’aeroporto di Mosca la notte fra il 20 e il 21 ottobre 2014, dopo che il patron della petrolifera francese aveva incontrato l’uomo del Cremlino. I due sono amici, e De la Margerie è una bestia nera per Washington: perché non ha obbedito all’ordine di sanzioni contro il governo Saddam in Iraq (ragion per cui è stato condannato per corruzione nel quadro della causa “cibo contro greggio”) e contro l’Iran (per cui la Total è stata multata dagli Usa per 400 milioni di dollari, che ha dovuto sborsare proprio nel 2014). “Total è un nostro partner prioritario da molti anni”, disse il capo del Cremlino, e la scomparsa di Christophe de la Margerie è una perdita importante per il paese”. La versione dell’incidente colposo (il guidatore di uno spazzaneve ubriaco che ingombrava la pista) è sfatata da un libro inchiesta uscito in Francia e dal processo che si è aperto mesi fa a Mosca — per assassinio. Mikhail Lesin © Sputnik. Iliya Pitalev Mikhail Lesin Mikhail Lesin, milionario, ex ministro di Putin per la Comunicazione (1999-2004), fondatore di Russia Today e del settore dei media controllati da Gazprom, viene trovato morto a Washington, nella stanza del lussuoso albergo Dupont Circle. Sconosciuti i motivi per cui fosse nella capitale americana: una missione per Putin? Oppure aveva rotto (come si è detto dai media Usa) con Putin e il sistema di potere russo? Lesin aveva comprato a Los Angeles una villa da 28 milioni di dollari, il che ha indotto l’FBI, su incitamento del senatore Roger Wicker, ad aprire contro il personaggio una inchiesta per riciclaggio). La causa della morte addotta all’inizio — infarto — è stata smentita. Fiori in luogo uccisione di Boris Nemtsov © Sputnik. Ramil Sitdikov Presentata accusa definita ai presunti killer di Boris Nemtsov Boris Efimovic Nemtsov: oppositore politico di Putin, playboy, capo di un partitino senza importanza, il 27 febbraio 2015 viene trucidato con quattro colpi di pistola da sicari che si allontanano su una Ford: mentre passa a tarda sera con un’amica ventenne, sul ponte Zamoskvoretski, cioè non solo nel centro di Mosca, ma davanti alle cupole del Cremlino. Persino esponenti dell’opposizione riconoscono che Nemtsov è un cadavere gettato davanti alla porta di Putin. Naturalmente altri oppositori, e i media occidentali, strillano che Putin è il mandante di questo omicidio, come di quello di Anna Politkovskaya e di Aleksandr Litvinenko, il sedicente agente avvelenato col Polonio a Londra nel 2006….. Da esperto di servizi, Putin e il suo entourage saprà certo valutare se il nemico esterno, che riesce a mettere in atto azioni di sangue di grande sofisticazione a Mosca, abbia o no un appoggio all’interno, magari nei servizi di sicurezza, o fra i superstiti oligarchi di cui non ha ripulito il paese. E’ notorio che egli è un “centrista”, fra due gruppi di potere che sono definiti, o si definiscono, “Integrazionisti atlantici filo-americani”, opposti ai”sovranisti eurasiatici”; lo schema può essere sommario e semplicistico per mancanza di informazioni. Di colpo, poche settimane, fa, Putin ha congedato il suo onnipotente capo dello staff, Sergei Ivanov: uomo di sua assoluta fiducia, suo braccio destro per dieci anni, esponente (e garante) della potente casta dei siloviki (gli ex Kgb), dato da tutti come suo alter ego e financo provabilissimo successore alla presidenza. Invece lo ha fatto “Inviato speciale alla conservazione, ecologia e trasporti”. Tutti i commentatori sono d’accordo sul fatto che la sostituzione di Ivanov è un evento epocale: ma è una rimozione oppure un premio? Un metterlo in secondo piano in vista, appunto, di candidarlo alla presidenza? Egli mantiene il suo posto al Consiglio di Sicurezza, il corpo consultivo degli intimi collaboratori, il che rende difficile la valutazione.

http://it.sputniknews.com/punti_di_vista/20160910/3351380/putin-body-count.html

Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR ] [ la CIA ha ucciso l’autista del Presidente Putin ] i poter occulti demoniaci soprannaturali ed esoterici: per questo gli islamici portano la gonna, per indossare i pannoloni! [ Fatto sta che Putin non ha fatto la rivoluzione sovranista, tenendosi, al solito, su una linea mediana: “Abbiamo intenzione di continuare a ridurre il deficit di bilancio e di proseguire a ridurre la dipendenza delle entrate dello Stato dalle esportazioni di idrocarburi. Continueremo una politica equilibrata per garantire la stabilità macroeconomica. Continueremo a migliorare l’ambiente per fare impresa”, — ha assicurato Putin. La resa dei conti fra le due forze opposte non si è conclusa. D’altra parte, all’ambasciatore Usa a Mosca, John Tefft, si attribuisce il seguente esplicito proposito: “Toglieremo Putin dal suo posto e ci metteremo la nostra gente come capi del governo russo”. Fino a che punto sono assistiti dall’interno, se riescono a compiere atti come l’uccisione dell’autista del presidente in piena Mosca?
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2016/09/10/mosca-festeggia-il-suo-869mo-compleanno_a3c02cf5-7ab6-4e80-ac8b-aa5644e5af0d.html

==============================
il SIGNORAGGIO BANCARIO SPA ROTHSCHILD È IL SUO gOVERNO MASSONICO È ISTIGAZIONE AL SUICIDIO ] [ BISOGNA CONDIVIDERE QUESTO VIDEO CON TUTTI I PROPRI CONTATTI AFFINCHE’ TUTTI LO VEDANO E CONOSCANO QUESTA REALTA’! 14 apr 2014 Istigazione al suicidio è un reato previsto dall’articolo 580 del codice penale. Milioni di cittadini italiani sono allo stremo, senza lavoro, con debiti, uno stato che non garantisce più nulla e chiede l’impossibile minacciando di sbatterli su un marciapiede con il suo intransigente esattore privato, debole coi forti e forte coi deboli.
Ad oggi sono state oltre 15.000 le querele depositate da cittadini italiani contro il Governo, solo nelle ultime due legislature: una clamorosa impennata di cui i media principali non parlano per non far scaturire ulteriori denunce. Ne parla solo il TG di una nota emittente TV pugliese come si vede in questo servizio. I magistrati ora devono passare in rassegna tutte le denunce e, se ci saranno i requisiti, dovranno aprire le indagini. https://www.youtube.com/watch?v=dZR4jDlE0C0
L’istigazione al suicidio è un reato. Si può trovare nell’articolo 580 del codice penale. Per questo tutti gli italiani che si trovano allo stremo, per le varie problematiche che negli anni stanno aumentando, si sono scagliati contro lo stato. Precari, disoccupati, esodati e tutti coloro che si trovano a vivere giorno per giorno non vedendo un futuro si sono scagliati contro questo stato che non riesce a garantire più nulla, ma richiede a tutti l’impossibile, sbattendo per strada chi non riesce a pagare un debito, che non è stato creato da lui.
In questo momento le querele contro il governo hanno superato le 15mila e sono state depositate, questa è una grandissima impennata, ma i TG nazionali non ne hanno mai parlato. Quale sarà il motivo? L’unico TG che ha menzionato questa notizia è quello di una nota emittente pugliese. Guardando questo video capirete meglio di cosa stiamo parlando. I magistrati passeranno in rassegna tutte le querele per vedere se vi sono i requisiti per iniziare un’indagine. Questo video hanno provato a censurarlo più volte, ma noi lo ripubblichiamo… http://video.attivotv.it/governo-denunciato-per-istigazione-al-suicidio

Roberto Scanga 13:45+ Nel mio profilo ho postato la notizia di Trump che riceve l’appoggio dei vertici militari. Ho ricondiviso anche il tuo post seguente, se vuoi fai pure un commento sulla notizia.
Unius kingREI
17:55 +Roberto Scanga
HO GIÀ DETTO CHE I MILITARI HANNO FINANZIATO HILLARY quasi certamente lei ci porterà in guerra mondiale!

giubra63
Condivisione pubblica – 14 lug 2016

O GLI ITALIANI (ed europei) SI SVEGLIANO o SOCCOMBERANNO NEL MULTICULTURALISMO e METICCIATO:

BLOG DI NINO SPIRLì
10 LUG 16
Gli Italiani non si piegano alla menzogna
http://blog.ilgiornale.it/spirli/2016/07/10/gli-italiani-non-si-piegano-alla-menzogna/?repeat=w3tc
Domenica 10 luglio 2016 – Beati Martiri di Damasco – a casa. Taurianova, Calabria
Obbligati ad essere insofferenti, inospitali, perfino razzisti. Per difendere la nostra intelligenza. La Verità. La Cultura e l’Identità Nazionale. Per salvarci dal collasso sociale che, manco a dirlo, sta ormai disintegrando anche il finto sogno americano; il suo ipocrita e inefficace federalismo, la sua multietnicità forzata, falsa, inesistente direi. Negli Stati Uniti d’America, un negro resta negro e un irlandese resta irlandese. Anche dopo tre secoli. Gli aitalians restano “mafia e mandulino”. I Cherokee non ci sono più e i Sioux rimangono sui disegni a matita di qualche museo sperduto nella valli desertiche, ideali per qualche scena colossale di film autocelebrativo o, all’occasione, autoflagellante e buono solo per un Oscar hollywoodiano. I “latini” occupano, assieme a topi e scarafaggi, tutti i bronx lerci e malati, sogno di santità per qualche monaca o qualche prete malati di masochismo religioso. Mentre NewYork allatta comunistelli di casa (o Cosa) nostra col culo pieno di soldi, fottuti in Europa e spesi sulla Fifth Avenue.
Dalle nostre parti, a tre secoli di distanza, gli incappucciati delle banche e del potere occulto d’oltremanica e d’oltreoceano ripetono l’operazione. Per assicurare ai propri discendenti altri trecento anni di grassa e mefistofelica ricchezza a danno nostro.
Questi milioni di poveracci che vengono caricati sui gommoni e prelevati a sei centimetri dall’imbarco, per esempio, servono a meticciare un intero continente che stava per alzare troppo la testa. La nostra moneta unica, peraltro sbagliata fin dal battesimo, non è piaciuta ai panciuti potenti della Terra. Qualcuno, al di qua dell’oceano che conta, stava per seppellire, anzitempo, il dollarone, signore di ogni bordello morale, di ogni ignobile catena, della più piccola e periferica esistenza sul pianeta. E, così, quella massoneria, nera ombra d’inferno, ha, prima, comprato la nostra politica, Stato dopo Stato. Poi, le istituzioni. Tenta, infine, di comprare noi. E, così, all’alba del terzo millennio cristiano, Cristo non conterebbe più. Né i Suoi insegnamenti. La Libertà da Lui predicata, consigliata, pagata con la croce. La correttezza, La lealtà. L’onestà.
I signori della menzogna pretendono ben altro. Grano avvelenato di una messe infernale, il loro grano. Mortifero.
La Civiltà Occidentale, secondo il loro disegno demoniaco, non può e non deve più avere il nobile passato che nacque ad Atene, crebbe a Roma e studiò a Parigi, Londra, Tubinga, Bonn. Si deliziò dell’Arte di Leonardo, Rubens, Renoir… Si cibò della Poesia di Dante, Baudelaire, Rilke. Si difese e vinse con la strategia di Alessandro, Bonaparte, Nelson. Deve, anzi, demitizzare, dimenticare, cancellare. Sostituire Cesare e Michelangelo, Pirandello e Wilde, con qualche nome più speziato, più esotico. Magari, pezzente e oscuro, ma “forestiero”. Estraneo al nostro Mondo Millenario e Nobile.
E accade così che, mentre il Potere mente per cercare di sbianchettarci le coscienze, noi, inevitabilmente, reagiamo. Il Palazzo comanda le menzogne sui media e per le strade, governa le bugie nelle caserme e negli uffici, premia la manipolazione nell’istruzione e sul lavoro. Noi ci ribelliamo. Ci incatenano. Noi urliamo la nostra rabbia. Ci demoralizzano. Noi combattiamo. Ci affamano, ci levano il lavoro, la dignità, il sogno. Noi lottiamo.
Non ce la faranno, questi signori maledetti, padroni della negazione, a vincere la guerra contro la Verità e il vero Amore. Perché, lo sappiamo, il male non vince mai sul Bene.
E, se per resistere al dominio della bugia, oggi dobbiamo subire l’offesa più sporca, quella di essere razzisti, non ci tireremo indietro. Il futuro, come già fece il passato, ci darà ragione.
Chi dovrà essere integrato, se dovrà esserlo, lo sarà. Chi tenterà l’invasione sarà ricacciato. Come sempre. A dispetto di tutta la finta bontà dei pastori perversi. Di tutta la falsa accoglienza dei fangosi faccendieri. A dispetto di tutte le leggi sporche di sangue patrio versato dagli Eroi e del loro valoroso coraggio dimenticato.
#maischiaviitaliani
Fra me e me

#Italia #NinoSpirlì #Spirlì #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori
2016-07-14
5 foto
Foto di giubra63
Foto del profilo di Sergio DiMFoto del profilo di Giovanni CastellammareFoto del profilo di Egidio DellacroceFoto del profilo di Casa Vittoria
5 commenti
giubra63
03 ago 2016

+maria teresa di marco aspettiamo Roma. Livorno e Torino…e poi vedremo come scenderanno i consensi
Aggiungi un commento…
EUROPA (extra Unione Europea)
giubra63
Condivisione pubblica – 14:05

Altri meravigliosi, gloriosi tempi!

#Europa #Islam
giubra63 ha originariamente condiviso l’elemento in ISLAM:

Gloria perpetua agli Eroi il Principe Eugenio di Savoia, l’Imperatore Leopoldo I d’Asburgo. il Re Jan III Sobieskj di Polonia, Don Juan d’Austria, il Doge Sebastiano Venier, il Re Riccardo Cuor di Leone, Goffredo di Buglione,il Capitano Ammiraglio Agostino Barbarigo, Papa Innocenzo XI, il Beato Marco d’Aviano e agli altri Sovrani e Comandanti che sconfissero i Turchi e gli islamici che volevano distruggere l’Occidente, film attualissmo visto che ancora oggi i barbari islamici ci vogliono distruggere, anzi da 1.400 anni ci vogliono conquistare dopo aver distrutto l’Impero Romano d’Oriente cristiano e l’Impero Persiano zaratustriano. Se fino al 1979 si erano un po’ calmati con la sanguinaria rivoluzione islamica iraniana hanno rialzato la testa, sarebbe ora di rifargliela abbassare, no all’ideologia islamica in Europa.
#BattagliadiVienna #Asburgo #Savoia #EugeniodiSavoia #MarcodAviano #LeopoldoI #Turchi #musulmani #islamici #muslims #CarloVdiLorena #ErnstvonStarhemberg #LegaSanta 
Film 11 Settembre 1683
Visualizza post originale
Foto del profilo di Jos 94
Jos 94
14:09+
Per non parlare di Georj Kastrioti detto Skabderberg. O Vlad III Dracul
Aggiungi un commento…
ESTERI
giubra63
Condivisione pubblica – 13:39

ALLARME ISLAM IN OCCIDENTE: Ci siamo arresi?

L’11 settembre infinito: quella lezione non è servita
http://www.ilgiornale.it/news/politica/l11-settembre-infinito-lezione-non-servita-1305235.html
La loro vera arma è il lavaggio del cervello, ma noi per sconfiggere i tagliagole ci siamo alleati coi taglialingue
Magdi Cristiano Allam – Dom, 11/09/2016 – 08:09

Quindici anni dopo il più clamoroso e sanguinoso attentato della Storia, che ha colpito al cuore della superpotenza mondiale abbattendo le due torri gemelle, simbolo dell’impero finanziario, bruciando vive circa 3mila persone, l’Occidente non ha ancora imparato la lezione più elementare: l’arma vera del terrorismo islamico non sono le bombe, i kalashnikov o le cinture esplosive, ma è il lavaggio di cervello.

Perché quei 19 dirottatori votati al «martirio» islamico non erano armati. L’arma, che ha consentito loro di sequestrare quattro aereo e trasformarle in «bombe umane», era la la loro determinazione a morire per uccidere il maggior numero possibile di «miscredenti» e conquistare il paradiso di Allah.

Così come l’Occidente non ha imparato che il singolo terrorista suicida-omicida è solo la punta dell’iceberg e che per vincere la guerra dobbiamo scardinare l’iceberg, non limitarci a scalfirne la punta arrestando ed espellendo solo se viene colto in flagranza di reato. Non abbiamo ancora capito che quando in mezzo a noi ci sono persone che sono state modificate mentalmente e affettivamente, al punto che con il sorriso sulle labbra ci dicono «così come voi amate la vita, noi amiamo la morte», è ormai troppo tardi, perché sono delle bombe umane pronte a farsi esplodere in ogni momento.

La verità è che abbiamo paura di guardare in faccia alla realtà dell’iceberg, della «fabbrica del terrore», della filiera che partendo dalla predicazione d’odio, di violenza e di morte che avviene nelle moschee o nei siti che propagandano la guerra santa islamica, pratica il lavaggio di cervello, arruola, addestra militarmente, creando il terrorista islamico che sgozza, decapita, massacra e si fa esplodere.

Questa paura ha a tal punto sopraffatto l’Occidente che, dal 2005, si è caduti nella trappola di immaginare che per sconfiggere i terroristi tagliagole ci si dovesse alleare con i terroristi taglialingue, che ci hanno imposto la sospensione dell’uso della ragione per legittimare l’islam come religione a prescindere dai suoi contenuti violenti, concedendo loro sempre più moschee. L’esito più catastrofico della paura dell’islam è l’irrompere di un terrorismo islamico autoctono ed endogeno, con terroristi islamici con cittadinanze occidentali che colpiscono all’interno stesso dell’Occidente per massacrare altri cittadini occidentali da loro condannati indiscriminatamente come nemici dell’islam. Mentre i 19 terroristi islamici dell’11 settembre 2001 erano cittadini arabi trasferiti negli Stati Uniti per colpire il nemico esterno, i terroristi islamici che dal 7 luglio 2005 si fecero esplodere nel centro di Londra sino a quelli che si sono fatti esplodere a Parigi il 13 novembre 2015, erano cittadini occidentali di fede islamica che hanno colpito dentro casa propria.

Ma ciò che più di altro determinerà la nostra sconfitta in questa guerra dichiarata e scatenata dal terrorismo islamico globalizzato, è la vocazione al suicidio demografico promuovendo una folle autoinvasione di milioni di clandestini islamici, immaginandoli come la soluzione al tracollo della natalità della popolazione autoctona nell’Ue. Solo una classe politica irresponsabile ha consentito, 15 anni dopo l’11 settembre, la crescita del terrorismo islamico dei tagliagole, il radicamento del terrorismo islamico dei taglialingue, l’irrompere del terrorismo islamico autoctono ed endogeno, il dilagare dell’islamizzazione demografica.

magdicristianoallam.it

#Islam #USA #New York #11Settembre2001 #Occidente #Magdi_Cristiano_Allam #MagdiCristianoAllam #Allam #terrorismo #terrorismoislamico #tagliagole #taglialingue #islamizzazione #FratelliMusulmani #Fratelli_Musulmani #AlQaeda #StatoIslamico #Isis #StatoISlamico #Daesh #autoinvasione #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #maomettani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #proibireIslam #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome i #dhimmi #dhimmitudine #sottomissione
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto Scanga
5 commenti
Roberto Scanga
16:03

+giubra63 con la complicità dei politici Europei o sinistra mondialista come si usa definire. L’Europa dell’Est sta dimostrando la dignità delle nazioni ad opporsi a questo disegno criminoso nonostante che siano usciti da una dittatura Sovietica. Di immigrazione non ne vogliono sentir parlare e non si sono fatti svendere.
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – Ieri alle ore 00:14

COOP E BUSINESS PROFUGOPOLI: Come volevasi dimostrare, una buona parte delle coop si é tuffato nel #business della (falsa) accoglienza, ovvero #profugopoli .

#Confcooperative ha sospeso #Ecofficina :
La cooperativa padovana è sotto inchiesta con l’accusa di aver falsificato i documenti per vincere una gara per la gestione dei finti profughi.

Confcooperative ha sospeso Ecofficina, cooperativa padovana attivissima nell’accoglienza dei profughi e recentemente finita al centro di una inchiesta che ha visto lo scorso maggio i vertici indagati per alcuni presunti documenti falsi presentati per accedere ad una gara e per maltrattamenti nei confronti dei migranti accolti.
Ecofficina gestisce l’accoglienza di centinaia di migranti presso le ex basi militari di Bagnoli di Sopra ( Padova), Cona (Venezia) e Oderzo (Treviso) e fino a poco tempo fa anche l’ex caserma Prandina di Padova.
http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2016/09/09/news/confcooperative-ha-sospeso-ecofficina-1.14078296

#Italia #Cona #Conetta #Bagnoli #BagnolidiSopra #SanSiro #Oderzo #Padova #Venezia #Treviso #coop #cooperative #Ecofficina #business #profugopoli #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Europa #Eurabia #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #africani #Islam #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #refugeeswelcome #immigrazione #islamizzazione #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome
Confcooperative ha sospeso Ecofficina – Cronaca – Il Mattino di Padova
mattinopadova.gelocal.it
Foto del profilo di MarenostrvmFoto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Sergio DiM
5 commenti
giubra63
Ieri alle ore 20:44

+Marenostrvm il fatto é che ci sono gli italiani che continuano a votare per gli anti Patrioti.
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

Renzi mortifica le vittime della criminalità: “No al patrocinio legale gratuito”
Il governo pugnala alle spalle le vittime di reato. Impugnata la legge della Regione Liguria (governata dal centrodestra) che garantisce il patrocinio agli indagati per eccesso di legittima difesa.
Partito Democratico e M5S applaudono a Renzi e ai delinquenti.
#IoVoglioIlPatrocinioGratuito
#LegittimaDifesa
#SiallaLegittimaDifesa

http://www.ilgiornale.it/news/politica/renzi-mortifica-vittime-criminalit-no-patrocinio-legale-1304990.html

#Italia #Liguria #Toti #centrodestra #Giustizia #malagiustizia #criminalità #PD #PartitoDemocratico #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista 
Renzi mortifica le vittime della criminalità: “No al patrocinio legale gratuito”
il Giornale
Renzi pugnala alle spalle le vittime di reato. Impugnata la legge che garantisce il patrocinio agli indagati per eccesso di legittima difesa
Foto del profilo di Livio BuzziFoto del profilo di gemma giadaFoto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto Scanga
5 commenti
giubra63
13:53+
+gemma giada speriamo, ma fin a che ci sono al potere PD SEL e M5S contrasteranno sempre.
Aggiungi un commento…
STATI PRE RIUNIFICAZIONE ANNO 1861
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

Quell’odio dei Siciliani verso i Borbone
Scritto da Angelo Martino
Oggi il revisionismo di stampo neoborbonico e affine finge di ignorare, nel momento in cui tratta di un’occupazione perpetrata da Garibaldi nei riguardi del Regno delle Due Sicilie, che i Siciliani nutrivano un profondo odio nei confronti della dinastia borbonica.
D’altronde la prima delle tante rivoluzioni europee del 1848 avvenne proprio in Sicilia il 12 gennaio 1848.
La Rivoluzione Siciliana contro la tirannia borbonica fu la prima rivolta dei moti rivoluzionari in tutta Europa di tale anno e gli ideali del popolo siciliano erano gli stessi di tanti anni precedenti: affrancarsi dal Regno Borbonico, ottenere l’indipendenza nell’ambito di un’unificazione nazionale, già interiorizzata tanti anni prima dell’Unità.
La Sicilia ambiva all’autonomia ed era portatrice di un forte sentimento indipendentista prima del 1848; i siciliani odiavano quel Regno delle Due Sicilie, governato da tiranni quali i Borbone.
Dopo un terribile inverno segnato da povertà, il 12 gennaio il popolo palermitano eresse le barricate e si rivoltò, sventolando per le strade dell’isola il tricolore italiano e inneggiando all’Italia, alla costituzione.
Dalla tetra fortezza di Castellammare le forze borboniche bombardarono la città con gli artiglieri che scagliarono piogge di proiettili contro la folla degli insorti.
I tiranni borbonici decisero di ritirarsi solo dopo aver lasciato sul terreno in solo quel giorno trentasei vittime.
Il loro sacrificio non fu vano, poiché nel giro di pochi giorni i contadini delle campagne si unirono ai rivoltosi, assaltando i municipi e dando alle fiamme i registri delle imposte e del catasto.
L’esercito borbonico, capitanato dal generale De Majo, cercò di opporre una qualche resistenza ma, dopo che Palermo fu luogo di aspri combattimenti, l’esercito borbonico si ritirò e si insediò un comitato generale che si assunse le funzioni di governo, chiedendo la convocazione di un Parlamento siciliano.
Il 2 marzo, dopo 30 anni, venne proclamato nuovamente il Parlamento di Sicilia, presieduto da Vincenzo Fardella di Torrearsa, fra l’ottimismo e la gioia dei politici e del popolo, e la Sicilia riesce ad essere nuovamente retta da un governo costituzionale con la proclamazione del nuovo Regno di Sicilia.

Il capo del nuovo governo, Ruggero Settimo, già ammiraglio della flotta borbonica, ma che da sempre nutriva schietti sentimenti liberali e si opponeva alla tirannia borbonica nei confronti del popolo isolano, fu accolto con entusiasmo e salutato come padre della patria siciliana.
Tra i ministri, furono nominati Francesco Crispi, Francesco Paolo Perez, Mariano Stabile, Michele Amari e Salvatore Vigo
La bandiera del Regno della Sicilia fu il tricolore: verde, bianco e rosso.

Alle notizie della rivolta siciliana, la stessa Napoli si sollevò contro i tiranni borbonici, come anche i contadini del Cilento.
In quel frangente Ferdinando II, consapevole ormai che le sue truppe non erano ben disposte a combattere, liberò dal carcere Carlo Poerio, e ciò ebbe un significato notevole, dato che diede coraggio a tutti i liberali napoletani che organizzarono una manifestazione di venticinquemila persone sulla grande piazza di fronte al Palazzo Reale.
Ferdinando II fu costretto a concedere la Costituzione del Regno delle due Sicilie il 29 gennaio dello stesso anno, redatta dal liberale moderato Francesco Paolo Bozzelli e promulgata il successivo 11 febbraio.

Tuttavia con il presente scritto intendiamo focalizzare l’attenzione sul sentimento dei siciliani contro la dinastia borbonica per ribadire che vi erano, già tanti anni precedenti l’unificazione, idee ben radicate negli stessi siciliani a favore dell’indipendenza dal Regno borbonico nell’ambito di un’unità nazionale.

Quindi un neoborbonismo, che non si fa scrupolo di inneggiare a Francesco II Borbone ed al Regno delle Due Sicilie, finge di non ricordare che i siciliani non volevano i Borbone, non volevano essere governati da loro, li odiavano ed è ovvio che attesero l’intervento di Garibaldi come una liberazione . Altro che occupazione!

L’occupazione vera era stato un atto compiuto dai Borboni contro i Siciliani, i quali erano stati da tanti anni tradizionalmente antiborbonici, e precisamente nel corso di oltre un secolo, più volte avevano preso le armi reclamando un’autonomia e autogoverno.
Anche dopo la sconfitta della rivoluzione del 1848, i siciliani , come prima e più di prima , continuarono negli anni successivi e precedenti alla spedizione dei Mille a battersi per l’indipendenza , per la costituzione.

Non si po’ non ricordare uno dei più conosciuti di tali momenti storici che avvenne nel novembre del 1856, quando Salvatore Spinuzza e Francesco Bentivegna provarono a spingere le masse contro l’oppressione borbonico-napoletana.
Anche tale tentativo, pur velleitario ma ricco di generosità e idealità, si concluse drammaticamente con una sconfitta che costò ai due patrioti la condanna alla pena capitale dopo un sommario processo nel marzo dello 1857.

Non si può fingere di non ricordare che il 4 aprile 1860, a poche settimane dallo sbarco dei Mille, si verificò un ultimo disperato tentativo rivoluzionario, questa volta ad opera di un popolano, l’artigiano Francesco Riso, quella che gli storici chiamano “ rivolta della Gancia.
Anche quella rivolta si concluse con il sacrificio di ben tredici vittime il cui martirio acuì l’odio che i siciliani nutrivano verso i Borbone, considerati, anche dalle classi popolari, come stranieri e oppressori.

“All’inizio del 1860 – scrive Alfonso Scirocco – la Sicilia appariva sempre più inquieta, tanto da destare le preoccupazioni dei governi europei, che temevano un’insurrezione imminente”.

Tuttavia, nonostante le sollecitazioni continue di Rosolino Pilo, fervente mazziniano siciliano che perirà in uno scontro a fuoco in marcia verso Palermo nel 1860, Giuseppe Garibaldi non voleva arrischiare un’impresa senza possibilità di successo.
Come evidenzia bene lo stesso Scirocco: “ in sintesi (Garibaldi) non era disponibile a un tentativo avventuroso, rivolto a suscitare un’insurrezione non ancora iniziata, come erano stati quelli dei Fratelli Bandiera e di Pisacane”.
Tale questione non è di poco conto: la sconfitta dei Fratelli Bandiera e soprattutto quella più recente di Pisacane avevano incrinato le certezze dei mazziniani.

Pisacane aveva scritto nel saggio sulla Rivoluzione, di essere disponibile ad un «sacrificio senza speranza di premio»:
«ogni mia ricompensa io la troverò nel fondo della mia coscienza e nell’animo di questi cari e generosi amici… che se il nostro sacrificio non apporta alcun bene all’Italia, sarà almeno una gloria per essa aver prodotto figli che vollero immolarsi al suo avvenire».
Le parole di Pisacane erano nobili, ma tante sconfitte avevano lasciato il segno.

Lo storico Scirocco si sofferma su tanti momenti di esitazione prima della spedizione dei Mille in Sicilia, ma infine si era deciso che l’impresa si mostrava necessaria per liberare anche la Sicilia dall’occupazione borbonica.
E anche a tal riguardo, si finge di dimenticare che proprio Giuseppe Garibaldi, liberata la Sicilia, consigliato dal suo segretario di Stato, Francesco Crispi, ordinasse il ripristino, in blocco, dei decreti, delle leggi e dei regolamenti esistenti il 15 maggio 1849″, cioè quel sistema normativo che i Siciliani si erano dati a seguito della gloriosa rivoluzione del 1848 e che i vincitori borbonici si erano affrettati ad abrogare.
Angelo Martino

Riferimenti bibiografici:
Denis Mack Smith- Storia della Sicilia medievale e moderna- Laterza
Alberto Scirocco- Garibaldi- Laterza
Carlo Pisacane – Saggio su la Rivoluzione- 1944
http://www.nuovomonitorenapoletano.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1264:quellodio-dei-siciliani-verso-i-borbone-&catid=85:storia-del-risorgimento&Itemid=28

link STATI PRE RIUNIFICAZIONE ANNO 1861:
https://plus.google.com/collection/s1OusB

#RegnoDelelDueSicilie #Borbone #Moti #Sicilia #Napoli #Cilento #Castellammare #Sud #ReFerdinandoII #FerdinandoIIdiBorbone #FerdinandoII #Spinuzza #Bentivegna #Riso #rivoltadellaGancia #FrancescoCrispi #Crispi #GiuseppeGaribaldi #Garibaldi #VincenzoFardelladiTorrearsa #FardelladiTorrearsa #RuggeroSettimo #Settimo
Casa Vittoria ha originariamente condiviso l’elemento in Casa Vittoria: pensieri e riflessioni:

Sta nascendo un nuovo “Pensiero Unico”? Quello dei Piemontesi cattivi e dei Borboni illuminati? Ogni tanto ripassare la Storia aiuta…
Quell’odio dei Siciliani verso i Borbone
nuovomonitorenapoletano.it
5 commenti sul post originale
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Jos 94Foto del profilo di Roberto Scanga
12 commenti
Jos 94
Ieri alle ore 22:39

+giubra63 guarda, potrei linkarti diverse fonti dove viene dimostrato che dietro il Risorgimento c’erano le massonerie britanniche e italiane, ma non mi crederesti. Per cui, facciamo che ognuno rimane nel proprio punto di vista. Ok?
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

FAIDA INTERNA AL M5S, #NonVotateliPiù : “”Quello non è un partito. Due stronzetti vogliono fottere Roma e la Raggi. È un complotto. Sono vittima di un’ingiustizia grave e senza precedenti”, tuona De Dominicis.”
Praticamente le correnti di sinistra grilline hanno attaccato la giunta, per colpire l’Assessore (ex) Raffaele De Dominicis , #Sammarco , e tutti i grillini di destra.
Siamo a posto, si fanno la guerra tra loro!
#NonVotateliPiù
http://www.ilgiornale.it/news/politica/de-dominicis-io-sono-vergine-complotto-politica-non-fa-i-1304828.html

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco #LuigiDiMaio #Luigi_Di_Maio #Gigginooripetent #RaffaeleDeDominicis #DeDominicis #Taverna #Castaldo #Perilli #Pizzarotti 
De Dominicis: “Io sono vergine, è un complotto. ​La politica non fa per i grillini”
il Giornale
L’ex procuratore della Corte dei Conti furioso dopo la fine della sua brevissima carriera di assessore
Foto del profilo di maria teresa di marcoFoto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto Scanga
10 commenti
giubra63
Ieri alle ore 19:03+
+maria teresa di marco i programmi PD e M5S su immigrazione, UE , sovranità, sono simili, basta vedere Livorno, Civitavecchia, Parma, sindaci M5S che spendono soldi pubblici per ristrutturare fabbricati per alloggiare clandestini invasori islamici. No il M5S é solo la faccia pulita (?) della sinistra mondialista.
Aggiungi un commento…
WhatsApp Friends Italia
giubra63
– 09 set 2016

La situazione in Francia sta precipitando di giorno in giorno.
giubra63 ha originariamente condiviso l’elemento in UNIONE EUROPEA:

FRANCIA SULL’ORLO DELLA GUERRA: A Tolosa e Parigi le donne non possono girare in pantaloncini corti, altrimenti vengono insultate da islamici schifosi che le offendono. Ad aiutare le donne intervengono amici e mariti, ma di fronte ai ragazzi islamici hanno avuto la peggio!
Italiani ed europei insorgete contro questo clima di odio che gli islamici hanno nei confronti delle donne!
BASTA!!!!!!
http://www.corriere.it/esteri/16_settembre_09/non-potete-girare-short-tolone-aggredite-due-donne-0289f642-75fb-11e6-8af7-7197ea220eb4.shtml?refresh_ce-cp

#Francia #Tolosa #Parigi #SexJihad #JihadSessuale #RapeSex #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #proibireIslam #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome #FratelliMusulmani #dhimmi #dhimmitudine #sottomissione
«Non potete girare in short» A Tolone aggredite due donne
Corriere della Sera
Le signore sono state prese a male parole mentre stavano facendo una passeggiata insieme ai figli e ai mariti. Questi ultimi sono intervenuti per difenderle e sono stati picchiati dalla banda di integralisti. A giugno un altro episodio di intolleranza
14 commenti sul post originale
Foto del profilo di daniele cerinoFoto del profilo di Mirella ScaramuzzaFoto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto Scanga
3 commenti
giubra63
09 set 2016+
Scusate, Tolone, non Tolosa. La notizia, mi ha sconvolto, sapevo della Gran Bretagna, ma anche in Francia, oramai siamo alla frutta
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

SCANDALO ROMA: La Raggi si dimette??

M5S: il caso Muraro. Raggi reticente e bugiarda. Cosa ne pensa il popolo del web?
di Massimo Turci 7 settembre 2016

L’assessore all’ambiente della giunta di Roma, Paola #Muraro , sapeva di essere indagata dal 18 luglio, ma non ha detto nulla, se non a Virginia #Raggi , la quale non informa Beppe #Grillo , ma solo Luigi Di Maio.

Le colpe di Virginia Raggi

Virginia Raggi è reticente e anche bugiarda: dopo aver nascosto di aver lavorato per lo studio Previti, ora nasconde di essere a conoscenza da luglio che l’assessore all’ambiente Paola Muraro è indagata.

Marcello #Minenna si dimette da assessore al bilancio; lo sostituisce l’ex magistrato della Corte dei Conti Raffaele De Dominicis, ma Virginia Raggi anche questa volta nasconde che a fare il suo nome e a sostenere la sua candidatura è stato l’avvocato #Sammarco .

E’ lo stesso assessore De Dominicis, infatti, ad ammettere che la proposta dell’incarico gli è arrivata dall’avvocato vicino allo Studio Previti.

La trasparenza del M5S

È questa la trasparenza che i grillini esigono dagli avversari, ma non da sé stessi? E che cosa ne pensa il famoso popolo del web?

Ancora una volta i problemi di Roma passano in secondo piano rispetto alle lotte di partito. Il M5S è un partito come tutti gli altri, anzi peggio, perché sbandiera ai quattro venti una inesistente diversità.

Virginia Raggi si dimetterà?

Scommettiamo che a breve la neosindaco Virginia Raggi si dimetterà?

Scandalo compensi

Intanto fanno scalpore i compensi di alcuni membri della giunta di Roma della neosindaco Virginia Raggi: Raineri, giunta comunale di Roma, 193.000 €; Romeo, giunta comunale di Roma, 120.000 €.

La giunta nera: Raffaele Marra ha lavorato anche con Alemanno e Polverini. Virginia Raggi ha il cuore che batte a destra? E come si spiega la volontà di depenalizzare le droghe?

La vendetta di Federico Pizzarotti

La vendetta di Federico #Pizzarotti : “In effetti stando seduti sulla riva del fiume passa un sacco di gente.”

M5S: il caso Muraro. Raggi reticente e bugiarda. Cosa ne pensa il popolo del web?

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco #LuigiDiMaio #Luigi_Di_Maio #Gigginooripetent #RaffaeleDeDominicis #DeDominicis #Taverna #Castaldo #Perilli #Pizzarotti 
M5S: caso Muraro. Virginia Raggi bugiarda. Cosa ne pensa il web?
leggioggi.it
Virginia Raggi Roma: no sondaggi m5s su scandalo del sindaco Raggi? Blog Beppe Grillo in silenzio. Cosa ne pensa il famoso popolo del web?
Foto del profilo di Luca ViolaFoto del profilo di Carlo di benedettiFoto del profilo di giubra63
6 commenti
giubra63
09 set 2016

+Carlo di benedetti ciao. Si Grillo ha dato della pazza alla Raggi, che faccia lui il sindaco!
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 08 set 2016

Tutta Europa chiude o sigilla le frontiere tranne Renzi e Merkel. I cittadini europei si ribelleranno ai governanti che non hanno a cuore i loro popoli. W Orban e Theresa May
http://www.lastampa.it/2016/09/08/esteri/londra-chiude-la-porta-di-calais-entro-lanno-un-muro-anti-migranti-8UheEFU6KsItuNyOiPhKNJ/pagina.html

#UK #GranBretagna #Calais #UE #EU #Europa #Eurabia #migranti #immigrati #clandestini
Stelle In cielo ha originariamente condiviso l’elemento in Europa, Belgio, Francia, Italia, Ungheria, ecc.:

IL MURO DELLA GRAN BRETAGNA CONTRO I MIGRANTI DI CALAIS
#GRANBRETAGNA
#CALAIS 
Londra chiude la porta di Calais: entro l’anno un muro anti migranti
La Stampa
Verrà finanziato dal Regno Unito in territorio francese. Costerà 2,7 milioni. Polemiche in Austria: decreto stop ai richiedenti asilo e confini sigillati con 2200 soldati
Visualizza post originale
Foto del profilo di Ester BorghiFoto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Stelle In cieloFoto del profilo di ROSSATI GUALTIERO
4 commenti
ROSSATI GUALTIERO
09 set 2016+
fino a poche settimane fà, facevano: ASSOPIGLIATUTTO….
Aggiungi un commento…
ESTERI
giubra63
Condivisione pubblica – 08 set 2016

ISLAMIZZAZIONE DEL CANADA a guida dei liberali di sinistra di Trudeau: Ci mancavano le auto della Polizia con le scritte in arabo. Che schifo! #bandireIslam
https://www.jihadwatch.org/2016/06/london-ontario-police-cars-marked-in-arabic-above-canadian-flag

#Canada #London #Ontario #islamizzazione #Islam #musulmani #islamici #maomettani #Dhimmitudine #Dhimmi
Condiviso inizialmente da jihadwatchdog1:

ISLAMIZATION OF CANADA
POLICE CAR LOGO PRINTED IN ARABIC TROLLING CITY STREET

#Islamization #IslamizationOfCanada 
·
London, Ontario police cars marked in Arabic above Canadian flag
jihadwatch.org
Robert Spencer, PJ Media: Do Facebook and Twitter want foes of jihad dead? Muslim cleric says astrologist affronts Islam, threatens him with shoe
5 commenti sul post originale
Foto del profilo di Carlo di benedettiFoto del profilo di Lumir 1972Foto del profilo di giubra63
4 commenti
giubra63
08 set 2016

+Lumir 1972 a Padova perfino sui cassonetti rifiuti. Però in Italia non ci sono sulle auto della Polizia o Carabinieri!
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 08 set 2016

ALLARME STUPRI IN GERMANIA, DA PARTE DI ISLAMICI: La #Jihadsessuale o #SexJihad , non si ferma , le donne tedesche (come in tutta Europa) sono stuprate o molestate da orde di bestie islamiche pronte nella loro Jihad sessuale, come cani in calore che si devono accoppiare per far figli (islamici).
BASTA, donne insorgete contro questi esseri inumani.

Germania, ci risiamo: donne violentate da immigrati alla festa di paese

#Germania #Essen #EssenOriginalcityparty #SexJihad #JihadSessuale #RapeSex #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #proibireIslam #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome #FratelliMusulmani #dhimmi #dhimmitudine #sottomissione
Germania, ci risiamo: donne violentate da immigrati alla festa di paese
ilprimatonazionale.it
Torna l’incubo dello stupro etnico in Germania: a Essen, molte donne hanno denunciato violenze da parte di immigrati durante la festa cittadina
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Stelle In cieloFoto del profilo di ROSSATI GUALTIERO
13 commenti
ROSSATI GUALTIERO
09 set 2016+

TRUMP, SOLO TRUMP, NIENTALTRO CHE TRUMP !!!
Aggiungi un commento…
ITALIA e IMPERO ROMANO
giubra63
Condivisione pubblica – 08 set 2016

8 settembre 1943, le bugie hanno le gambe corte
http://archiviostorico.blogspot.it/2008/06/8-settembre-1943-le-bugie-hanno-le.html
Su questa importantissima data per la storia del nostro Paese non possiamo dimenticare ciò che è successo, ma per tornare alle falsità diramate negli anni successivi (per indurre la popolazione ad errati concetti), quali l’abbandono dell’Esercito in balia degli eventi ecc., è ora che ognuno si prenda la responsabilità di quanto successo…
Ed è da allora che, in mostruoso connubio, i repubblicani nazifascisti e comunisti, con l’acquiescenza di antistorici clericali antirisorgimentali, coniano e diffondono gli squallidi insulti al gran Re che pretendono traditore, per giustificare il loro tradimento alla Patria perpetrato al servizio dell’ideologia fascista, rispettivamente, comunista.
Il Re, che pretendono vile e fuggiasco, perché gli riuscì di vanificare il loro piano di asservimento alla Germania prima, e all’Unione Sovietica poi, salvaguardando l’identità dello Stato e avviando il suo ricollocamento nel circolo del mondo civile libero dalla barbarie del totalitarismo.
Il fonogramma che annunciava l’armistizio, fu trasmesso e ritrasmesso alla radio per il tempo sufficiente ad apprendere la notizia in ogni dove. Il testo comunicava :
“Il Governo Italiano, riconosciuta l’impossibilità di continuare l’impari lotta, contro la soverchiante potenza avversaria, nell’intento di risparmiare ulteriori e più gravi sciagure alla Nazione, ha chiesto un armistizio al gen. Eisennhower, comandante in capo delle Forze alleate anglo-americane.
La richiesta è stata accolta. Conseguentemente, ogni atto di ostilità contro le forze anglo-americane deve cessare da parte delle forze italiane in ogni luogo. Esse, però reagiranno ad eventuali attacchi di qualsiasi altra provenienza”.

Ora, assodato, che nessuna unità di terra, di mare e dell’aria, ha più condotto dopo tale fonogramma alcuna azione contro le forze anglo-americane, dobbiamo provocatoriamente dedurre, che il messaggio era stato da tutti, MOLTO BEN COMPRESO…
Tanto e vero, che l’intera Regia Marina ed i 2 terzi abbondanti di ciò che restava della Regia Aeronautica, raggiunsero i territori liberi del nostro paese, o si consegnarono agli Alleati come indicato dall’Armistizio corto firmato in Cassibile il giorno 3 settembre 1943.
Ciò che è successo quindi nel Regio Esercito (ma non tutto), è una vergognosa responsabilità dei suoi più diretti comandanti sul campo, che oltre a guardarsi bene dal condurre azioni contro gli ex nemici (ammettendo indirettamente in tal modo che il fonogramma era chiarissimo), vollero ignorare per comodo e per fellonia (quella si) la seconda parte, che dava al contrario di quanto asserito dai Fascisti repubblichini prima e da tutti coloro che in seguito vollero apparire politicamente “corretti”, indicazioni PRECISISSIME, circa il comportamento da tenere in caso di aggressione !
Il Fonogramma non parla di resa o di consegna delle armi all’ex alleato, il Fonogramma non parla di “tutti a casa”, il Fonogramma non parla di diserzione.
Esso parla inequivocabilmente di reagire ad eventuali attacchi di qualsiasi altra provenienza !
Ma prima di questo famosissimo e sempre citato fonogramma, abbiamo il dovere di non dimenticare che, tenendo conto del rapido evolversi della situazione, l’ordine di resistere ai tedeschi era già stato impartito con il Foglio 111 CT di metà agosto, con la memoria OP 44 (e relativo ordine applicativo, emanato personalmente da tre ufficiali superiori di Stato Maggiore del Comando Supremo, situato a Monterotondo, “in telefonia segreta”, a tutti i Comandi ai quali era stata inviata la OP 44 – cfr. Torsiello, in “Rivista Militare”, la rivista ufficiale dell’Esercito, 3 marzo 1952), con la memoria OP 45 e con i promemoria n. 1 e 2. Successivi al fonogramma invece sono : telegramma 24202, indirizzato a tutti i comandi periferici alle ore 02 del 9 settembre, sia dall’ordine 11 settembre, impartito dal Comando Generale di Brindisi.
Altro che mancanza d’ordini ! Di ordini ve n’erano a bizzeffe e infatti furono eseguiti eroicamente in moltissimi casi !
In tutti i luoghi dove ciò avvenne, furono i primi lampi del fuoco della guerra partigiana (quella vera) che poi verrà.
Stravolgere questi fatti, per interesse di parte, non è solo una vergogna, ma un crimine contro la storia d’Italia, la storia di Casa Savoia, la Storia del nostro Popolo !
Pubblicato da Conterio Alberto

#Italia #Patria #8Settembre1943 #8Settembre #Armistizio #RegnodItalia #Regno_d_Italia #ReVittorioEmanueleIII #VittorioEmanueleIII #CasaSavoia #Casa_Savoia #Savoia #PietroBadoglio #Badoglio #BenitoMussolini #Mussolini #Fascismo #Eisennhower #USA #Germania #GranBretagna #UK #Inghilterra
#ConterioAlberto 
Foto del profilo di giubra63
giubra63
08 set 2016

Le trattative furono segrete, segretissime:
il Re non ne informò nemmeno i familiari più stretti, a costo di mettere in pericolo i suoi stessi figli, come in effetti avvenne, in particolare, per la Principessa #MafaldadiSavoia . Fuori Italia per la morte del Cognato, lo Zar Boris III di Bulgaria, fu sorpresa in viaggio e seppe dell’evento dalla Regina Madre di Romania, che fece sostare appositamente il treno su cui viaggiava in una sperduta stazione romena per informarla. Arrestata appena tornata a Roma, è noto come finì i suoi giorni nel campo di concentramento di #Buchenwald . E non solo Lei, dal momento che anche il genero del Re, conte Calvi di Bergolo, la figlia minore, principessa Maria, con i figli, le due duchesse d’Aosta, Anna ed Irene, con le rispettive proli, caddero in mano germanica. Segreto totale. Insomma non può dirsi che la Famiglia Reale non condivise, con altri centinaia di migliaia di italiani, gli conseguenze di quel fatto. Eppure, a chi voleva intendere, checché se ne disse poi, poteva intendere a cosa stava andando incontro il Paese e da chi, in breve, si sarebbe dovuto guardare. Non è affatto vero, infatti, che le Forze Armate siano state lasciate completamente prive di direttive: già dopo il convegno svoltosi a Tarvisio tra i ministri degli Esteri Guariglia, italiano, e Ribbentrop, tedesco, il governo incaricava lo Stato Maggiore dell’Esercito di informare i comandi di possibili cambiamenti. Già tra il 20 e il 30 agosto il Foglio 111 CT recitava di “resistere ad eventuali attacchi tedeschi”. Lo stesso dicevano, ad inizio settembre, i fogli O.P. 44 e 45. Lo disse, di fatto, Badoglio nel suo proclama. Chi non capì, non volle capire, e in troppi hanno nascosto le loro colpe – fatte salve le sempre onorevoli eccezioni – sulle spalle di altri, a cominciare da quelle del Re. I reparti, pochi o tanti che siano stati, che resistettero, lo fecero, sia p l’onore, sia perché sapevano di doverlo fare. Chi si squagliò e purtroppo lo fecero in tanti, sapevano quel che facevano. La Patria non morì l’8 settembre, ma naufragò, senza però affondare, l’8 settembre e la carcassa di una Nazione, simbolicamente, approdò a Brindisi dove, grazie alla buona volontà di centinaia di migliaia di italiani di buona volontà, civili e militari, iniziò ad essere riparata, per riprendere a navigare, già durante il prosieguo della guerra.
http://www.intelligonews.it/articoli/5-settembre-2013/12020/8-settembre-fine-della-patria-l-armistizio-fu-un-atto-eroico
Aggiungi un commento…
ESTERI
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

ARMENIA COME ISRAELE, NAZIONI SEMPRE A RISCHIO.

L’ultimo baluardo cristiano contro l’avanzata dell’islam
http://www.ilgiornale.it/news/politica/lultimo-baluardo-cristiano-contro-lavanzata-dellislam-1303384.html
Se il popolo del genocidio dovesse cedere a Erdogan, l’Europa verrebbe travolta da violenza e radicalismo
Magdi Cristiano Allam – Mer, 07/09/2016 – 21:45

M ettere per la prima volta piede in Armenia, lo Stato cristiano per antonomasia, la terra che rivendica di essere la culla della chiesa che incarna l’apostolato di Gesù, la popolazione che ha subìto il più cospicuo genocidio di cristiani nella Storia, il governo che concepisce orgogliosamente il cristianesimo come la radice e il fulcro dell’identità nazionale, è un’emozione unica, che stringe il cuore, che allarga istintivamente l’abbraccio alla moltitudine di «fratelli» nella condivisione della civiltà cristiana, che sprona a offrire la propria solidarietà di fronte alle minacce che attentano al primordiale diritto alla vita e al legittimo diritto alla sicurezza.

Minacce che si sostanziano in un nome: islam.

L’Armenia è lo Stato cristiano che più di altri al mondo è minacciato dall’islam per il solo fatto di essere integerrimamente e integralmente cristiano. È l’unico Stato al mondo dove l’islam è come se fosse di fatto fuorilegge, dove non ci sono cittadini musulmani, dove non ci sono moschee ad eccezione della Moschea Blu riservata all’islam minoritario sciita, costruita nel diciottesimo secolo, trasformata dal governo sovietico in un museo nel 1931, restaurata per volontà dello Scià di Persia ed attiva dal 1999 per i turisti iraniani. Sorprende, appena atterrati all’aeroporto di Erevan, la semplicità e genuinità di una popolazione legata alla tradizione, alla famiglia, agli affetti, che accoglie con mazzi di fiori e abbracci profondi i propri cari. In un contesto di estrema modestia, dove per le strade circolano ancora le vecchie automobili «Lada» sovietiche dalle sagome goffe, che vengono tenute in vita per la difficoltà di emanciparsi economicamente, per la pochezza delle risorse nazionali su cui pesa come un macigno la totale dipendenza energetica dalla Russia e dall’Iran. La corruzione dilaga incentivata dal bisogno di gran parte della popolazione. Tuttavia resta il paese più sicuro al mondo, senza criminalità organizzata, al suo interno prevale comunque un radicato e diffuso senso di responsabilità e di solidarietà nei confronti dei propri connazionali. L’Armenia è lo Stato al mondo che, al pari di Israele, identifica come un tutt’uno, come una realtà intrinsecamente indissolubile, l’identità religiosa e l’identità nazionale. Così come Israele, da sempre storicamente terra degli ebrei, fu riesumato dopo duemila anni come «patria degli ebrei», fondato nel 1948 sulla base della risoluzione 181 delle Nazioni Unite come «Stato ebraico», l’Armenia concepisce come indissolubile la sua identità nazionale armena con la sua identità religiosa cristiana. E, al pari d’Israele, l’Armenia tende ad abbracciare l’insieme delle comunità armene nel mondo, pari a circa 10 milioni di persone, di cui solo poco più di 3 milioni vivono nella madrepatria. Così come, al pari di Israele che è preposto a salvaguardare il popolo ebraico e la civiltà che affonda le sue radici nei Dieci Comandamenti, sussiste una apparente inadeguatezza tra la missione che la Storia ha affidato all’Armenia quale Stato depositario della nostra identità cristiana, e la sua esiguità in termini di territorio, di popolazione e di risorse, compensate però dalla straordinaria inventiva e intraprendenza della sua gente. Ma soprattutto, al pari di Israele che ha subìto il più cospicuo Olocausto nella Storia, circa 6 milioni di ebrei sterminati dalla Germania nazista tra il 1933 e il 1945, l’Armenia ha subìto il più cospicuo genocidio di cristiani nella Storia, circa 1 milione e mezzo di connazionali massacrati, tra il 1915 e il 1923 da parte dell’ultimo Califfato islamico turco-ottomano e del movimento nazionalista dei Giovani Turchi.

La visita al Museo del Genocidio Armeno è una lezione di Storia che ci fa toccare con mano la verità su uno dei più sanguinosi ed efferati crimini perpetrati nei confronti dei cristiani nel nome dell’islam. Nonostante sia vero il fatto, come attestano le immagini toccanti in bianco e nero, che gli armeni in Turchia furono presi di mira perché erano l’elite più emancipata sul piano delle attività produttive, della creatività culturale e dell’insegnamento scolastico, e nonostante l’insistenza con cui si vuole anche da parte armena enfatizzare l’identità nazionalista dei criminali «Giovani Turchi» che condivisero il genocidio degli armeni, è però indubbio che gli armeni furono massacrati perché cristiani. È il loro essere «diversi» in quanto cristiani in seno al Califfato islamico turco-ottomano, così come fu per il loro essere diversi in quanto ebrei nella Germania nazista, ed è per il fatto che l’islam concepisce cristiani e ebrei come «dhimmi», «protetti», «sottomessi», che gli armeni furono deliberatamente fisicamente annientati.

Visitando il Museo del Genocidio Armeno mi è tornato alla mente lo Yad Vashem, l’Ente nazionale per la Memoria della Shoah a Gerusalemme, da cui se ne esce traumatizzati per l’inequivocabilità della più atroce strage perpetrata nei confronti di un singolo popolo per annientarlo definitamente. Ho preso atto che gli israeliani, a differenza degli armeni, hanno saputo produrre una mole di documenti e hanno saputo rappresentare la realtà storica in modo più convincente ed efficace. Non è un caso se oggi solo una quarantina di stati al mondo hanno riconosciuto la verità storica del genocidio degli armeni. La gran parte degli stati, a partire da quelli europei, si sono di fatto piegati all’arbitrio e sottomessi alle minacce della Turchia, che nega spudoratamente la propria responsabilità storica. Dobbiamo sostenere l’Armenia, vera roccaforte cristiana nell’Asia meridionale a ridosso dell’Europa, circondata da tre Stati islamici, con cui uno, l’Azerbaijan, è in stato di guerra, e il secondo, la Turchia, è in stato di allerta permanente. Se l’Armenia dovesse capitolare e perdesse la propria identità cristiana, sottomettendosi alle mire egemoniche dell’aspirante califfo neo-ottomano Erdogan, tutta l’Europa finirebbe per essere travolta dall’irrompere di una violenza nel nome dell’islam scatenata da est, da sud e dal suo stesso interno ormai pesantemente infiltrato dal radicalismo e dal terrorismo islamico autoctono.
magdicristianoallam.it

#Armenia #Israele #Turchia #Islam #MedioOriente #genocidio #GenocidioArmeno #GiovaniTurchi #ImperoOttomano #Erdogan #Azerbaijan #Cristiani #Cristianesimo #ChiesaOrtodossaOrientale #ChiesaArmena #Chiesagregoriana #Chiesaapostolicaarmena #Cristianità #Shoah #Ebrei
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Stelle In cielo
2 commenti
giubra63
08 set 2016+
+Roberto Scanga si, ogni giorno potrebbe modificare
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

ALLARME ISLAM IN BELGIO: Belgio, due poliziotti accoltellati a Molenbeek da un musulmano di nazionalità marocchina, clandestino.
“Verso le 14.45, una pattuglia di due poliziotti è stata aggredita con un coltello da un uomo mentre circolava nel parco Bonnevie a Molenbeek”, ha spiegato una portavoce della polizia locale, Julie Mampuy, confermando una notizia del quotidiano La Derniere Heure.”Hanno ricevuto diverse coltellate, ma sono stati protetti dai giubbotti antiproiettile che indossava e non sono fortunatamente rimasti feriti”, ha aggiunto.
“Il responsabile è stato arrestato poco più lontano da un’altra pattuglia ed è al momento in cella”. Al momento non ci sono dettagli su identità o movente del sospetto.(fonte AFP)
Ieri Isis ha diffuso un comunicato esortando i suoi seguaci a colpire ovunque per le strade, anche pensionati e bambini nei parchi.
http://www.imolaoggi.it/2016/09/07/belgio-due-poliziotti-accoltellati-a-molenbeek/
http://www.breitbart.com/london/2016/09/07/two-police-stabbed-molenbeek/

#Belgio #Bruxelles #Molenbeek #immigrazione #immigrati #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StatoIslamico #Isis #Daesh #FratelliMusulmani 
Illegal Migrant Stabs Two Police In ‘No Go’ Brussels Migrant Enclave Of Molenbeek
breitbart.com
Two Brussels police officers were stabbed in the notorious suburb of Molenbeek, the suspect has been arrested.
Foto del profilo di Paul RydeFoto del profilo di Roberto Scanga
2 commenti
Roberto Scanga
07 set 2016+
Una Notizia di recente. E’ stato sventato un attentato a Putin.
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

ALLARME ISLAMICi A BRUXELLES: Quando i governi europei comprenderanno il pericolo che rappresentano i 27.000.000 di musulmani nella Unione Europea, di cui almeno 35% é pronto alla #Jihad ?
http://www.askanews.it/esteri/belgio-arrestati-2-sospetti-pianificavano-attentati-a-bruxelles_711696914.htm

#Belgio #Bruxelles #immigrazione #immigrati #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StatoIslamico #Isis #Daesh #FratelliMusulmani 
Belgio, arrestati 2 sospetti, pianificavano attentati a Bruxelles
askanews.it
La polizia ha trovato materiale propaganda Isis
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Sergio DiM
2 commenti
giubra63
07 set 2016+
+Roberto Scanga si, ma evidentemente non completamente.
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

GIUNTA RAGGI NEL CAOS, clandestini la fanno da padroni a Roma:
“La giunta Raggi ha mentito ripetutamente anche a noi”, accusano per questo i cittadini residenti nei dintorni della stazione #Tiburtina . “Si parla in questi giorni delle bugie o delle omissioni di vari membri della Giunta Raggi e del M5S, ma viene omesso sempre il nome dell’assessore alle Politiche Sociali Laura #Baldassarre . L’assessore Baldassarre ha spesso incontrato i volontari del Baobab (centro sociale), ma ha sempre rifiutato ogni contatto con noi: questa giunta è distante anni luce dai cittadini”, concludono i residenti nel comunicato.
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/baobab-residenti-raggi-ha-mentito-pure-sullemergenza-1304153.html
https://it-it.facebook.com/BaobabExperience/

#Italia #Roma #Baobab #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco #LuigiDiMaio #Luigi_Di_Maio #Gigginooripetent #immigrazione #immigrati #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori
Baobab, residenti: “La Raggi ha mentito pure sull’emergenza migranti”
il Giornale
Alla bufera sulle nomine della giunta Raggi, si aggiungono le polemiche dei cittadini sulla gestione dell’emergenza migranti a Roma, mentre a centinaia continuano a stazionare nella tendopoli gestita dal Baobab a via Cupa
Aggiungi un commento…
CHIESA CRISTIANA CATTOLICA
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

DOBBIAMO CREDERE ALLE PROFEZIE? Abbiamo il libero arbitrio?

Quello che i media e la Chiesa non stanno dicendo sul perché i musulmani hanno sgozzato un prete cattolico francese e perché l’Europa è in una guerra che presto sveglierà e costringerà l’Europa ad affrontare la realtà.

‘Lo hanno costretto in ginocchio. Voleva difendersi. Ed è allora che la tragedia è accaduto ‘, ha detto la suora, identificata come la sorella Danielle.

‘Si sono registrati. Hanno fatto una sorta di sermone intorno all’altare, in arabo. E ‘un orrore’, ha detto alla televisione BMF. E ‘stato un offerta sacrificale islamica ad Allah. Tale sistema sacrificale è parte integrante dell’Islam stesso in cui le azioni di storia islamica la storia di Jaad bin Durham quando Al-Kasri lo macellati nella moschea nel Giorno Sacrifical 119 AH Questa impostato il precedente che l’utilizzo di un essere umano come il Festival del Sacrificio è ammessa è l’Islam. Questo è supportato da alcuni dei migliori teologi più forti nel corso della storia dell’Islam come Al-Shafi ‘, ​​Ibin Tayymiya, Bukhari, Dhahabi, Ibin Al-Qiyam, DaRami e Ibin Katheer.

I simpatizzanti musulmani Stato Islamico , Isis, anche costretto due suore a guardare come essi stessi hanno tagliato la gola del prete cattolico francese Jacques Hamel. Le suore hanno continuato a confermare che i terroristi islamici eseguito “una sorta di sermone”.

E questa non è la prima volta che i musulmani offrono un sacerdote all’altare sacrificale.

Questa è una guerra della storia. Questo è il motivo per cui siamo stati in vista della partita di baseball e ha scritto: le profezie della musulmano invasione dell’Europa era stato previsto da santi e sta accadendo sotto i nostri occhi. Questa “raffinatezza dal fuoco come l’oro è raffinata” è ciò che Dio ha ordinato nelle profezie bibliche sulla Chiesa, soprattutto in Europa, al centro della chiesa.

L’uccisione di prete Jacques Hamel, ha suscitato richieste di una santità corsia preferenziale per il sacerdote assassinato. Il politico italiano Roberto Maroni ha esortato il Papa per fargli ‘St Jacques’. Il martirio cristiano sarà presto ispirerà l’Europa e contribuire a svegliare “le isole” dal loro sonno.

http://shoebat.com/2016/07/26/what-the-media-and-the-church-are-not-telling-you-as-to-why-muslims-beheaded-a-french-catholic-priest-and-why-europe-is-in-a-war-that-will-soon-wake-up-europe-to-face-reality/

#Europa #Francia #Italia #Germania #UK #GranBretagna #Inghilterra #Russia #Turchia #Ottomani #maomettani #JacquesHamel #padreJacquesHamel #padreJacques #Hamel #Rouen #Normandia #SaintEtienneduRouvray #ChiesaCristianaCattolica #ChiesaCattolica #cattolici #cristiani #Jihad #immigrazione #immigrati #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #Corano #Sharia #Islam
Foto del profilo di Ester BorghiFoto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Egidio Dellacroce
3 commenti
Roberto Scanga
08 set 2016+
Sarebbe meglio che Bergoglio se ne tornasse a casa sua.
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

SIAMO ALLE MINACCE O ALLA RIVELAZIONE DELLA VERITà, OVVERO L’IMBROGLIO GRILLINO? C’entrano i #Giammarco o i #Casaleggio o i #Sassoon ?
#Raggi_rati poveri grillini

La minaccia di Marra: ​”Prima o poi parlerò”
L’avvertimento del vice capo di gabinetto del Campidoglio
Luca Romano – Mar, 06/09/2016 – 23:41
“Prima o poi parlerò anch’io”. Lo ha detto il vice capo di gabinetto del Campidoglio, Raffaele Marra, lasciando palazzo senatorio.
Il direttorio M5s avrebbe chiesto un suo passo indietro e, interpellato sul punto, Marra ha risposto: “Non so nulla, chiederò a loro”.
Il vicecapo di gabinetto del Campidoglio, Raffaele Marra, potrebbe essere spostato ad altro incarico, mentre il ruolo di Salvatore Romeo, capo segreteria del sindaco Virginia Raggi, dovrebbe essere ridimensionato con conseguente taglio di compenso. Questa, a quanto si apprende, la linea che intenderebbe seguire la prima cittadina a seguito della riunione fiume del direttorio M5S a Montecitorio.
http://www.ilgiornale.it/news/politica/minaccia-marra-o-poi-parler-1303856.html

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco 
La minaccia di Marra: ​”Prima o poi parlerò”
il Giornale
L’avvertimento del vice capo di gabinetto del Campidoglio
Foto del profilo di Ester BorghiFoto del profilo di giubra63
3 commenti
giubra63
07 set 2016

#Raggi_rati 🙂 ahhhhhh poveri grullini
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 06 set 2016

ABBIAMO POCO TEMPO per invertire la rotta, poi l’Islam trionferà :
Maometto ha già invaso l’Europa: è il nome più usato per i bimbi
Il nome del profeta dell’islam surclassa quelli tradizionali in tutta l’Europa del Nord. Le nuove generazioni di europei porteranno il nome di Maometto.
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/maometto-invade-ue-nome-pi-popolare-1303705.html

#UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #Natalità #Maometto #Muhammad #Mohammed #Mahmud #islamizzazione #immigrazione #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StopInvasione #WelcomeRefugees #NotWelcomeRefugees #RIfugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StopInvasione #WelcomeRefugees #NotWelcomeRefugees 
Maometto ha già invaso l’Europa: è il nome più usato per i bimbi
il Giornale
Il nome del profeta dell’islam surclassa quelli tradizionali in tutta l’Europa del Nord. Le nuove generazioni di europei porteranno il nome di Maometto
Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Sergio DiMFoto del profilo di ROSSATI GUALTIERO
Roberto Scanga
07 set 2016+
Un bel rimpatrio e via………
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 06 set 2016

A quando le dimissioni? Devi sentire l’avvocato #Giammarco o i #Casaleggio o i #Sassoon ?
#Raggi_rati poveri grillini

#Italia #Roma #VirginiaRaggi #Raggi #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #M5S #grillini
Condiviso inizialmente da Peter Parker:

2 commenti sul post originale
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Madama Lucrezia
20 commenti
Madama Lucrezia
07 set 2016+
+giubra63 la pecora nera ce l’hanno tutte le famiglie pure i napoletani porelli 😉 che come i romani e tutti gli altri so’ gente di cuore e simpatica poi lo strunz’ lo trovi ovunque … Renzi ha altro milieu ma la sostanza appiccicaticcia è la stessa
Aggiungi un commento…
WhatsApp Friends Italia
giubra63
– 06 set 2016

Uranio Impoverito
Morti 307 soldati
Malati 3.700 soldati
Ma Sergio Mattarella non si dimette, lui e chi gli scrive i discorsi ci costano 225.000.000,00 di Euro, ovvero 450miliardi l’anno!!!!!
#VergognaMattarella
giubra63 ha originariamente condiviso l’elemento in ITALIA Politica Economia Immigrazione:

SERGIO MATTARELLA SI DEVE DIMETTERE:

307 MORTI PER L’URANIO IMPOVERITO SULLA COSCIENZA: SAI COSA DICEVA MATTARELLA, ALL’EPOCA MINISTRO DELLA DIFESA? LEGGI QUI E RIFLETTI SE QUESTO CATAFALCO SIA DEGNO DI ESSERE IL “TUO” PRESIDENTE!

307 MORTI PER L’URANIO IMPOVERITO SULLA COSCIENZA: SAI COSA DICEVA MATTARELLA, ALL’EPOCA MINISTRO DELLA DIFESA? LEGGI QUI E RIFLETTI SE QUESTO CATAFALCO SIA DEGNO DI ESSERE IL “TUO” PRESIDENTE!

di Lorenzo Sani, inviato de Il Resto del Carlino (dalla sua pagina Facebook)

Ho avuto occasione di incontrare il candidato di Renzi al Quirinale, Sergio Mattarella, quando questi era ministro della Difesa del governo Amato. Chiedo scusa per la lunghezza del post, ma lo devo a tanti ragazzi che non potranno mai leggerlo. Lavoravo da qualche mese sulla vicenda dell’Uranio Impoverito e sull’impressionante numero di leucemie linfoblastiche acute e linfomi tra i nostri militari che erano o erano stati in missione nei Balcani, soprattutto in Bosnia, ma non solo.

Sergio Mattarella negò a più riprese il possibile nesso tra l’insorgere delle patologie e il servizio. Negò che la Nato avesse mai utilizzato proiettili all’uranio impoverito (DU, Depleted Uranium), tantomeno che questo fosse contenuto nei Tomahawk (missili) sparati in zona di guerra dalle navi Usa in Adriatico. Insomma, Mattarella, candidato di Renzi al Quirinale, negò su tutta la linea.

Negò pure ciò che era possibile reperire nei primi giorni di internet sugli stessi siti della Difesa Usa, che magnificava l’efficacia degli armamenti al DU e dettava, contestualmente, le precauzioni sanitarie da adottare in caso di bonifica: protocolli di sicurezza molto rigidi, che prevedevano l’utilizzo di tute, guanti e maschere protettive, per svolgere il lavoro che invece a mani nude e senza protezioni facevano i nostri soldiati. I quali, nel frattempo, continuavano ad ammalarsi e morire. Ero a Nuxis, in Sardegna, al funerale di caporal maggiore della Brigata Sassari Salvatore Vacca, riconosciuto poi come il primo morto di Uranio Impoverito, che aveva prestato servizio alla caserma Tito Barak di Sarajevo.

Ero il solo giornalista presente, il 9 settembre 1999. Tutta questa triste storia incominciò da quel funerale. Pensai che l’argomento DU dovesse interessare a un ministro della Difesa, dal momento che quei ragazzi in divisa oltre che “nostri” erano soprattutto suoi, ma evidentemente ero troppo ingenuo. Per i principali quotidiani e le televisioni il problema dell’Uranio Impoverito non esisteva e non ne avevano ancora parlato. Alle mie ripetute richieste di intervista Mattarella ha sempre risposto negativamente. Ricevetti anche strane minacce mentre stavo indagando per conto del mio giornale in Sardegna. I militari italiani, nel frattempo, continuavano ad ammalarsi.

Ricordo anche che il comando della Brigata Sassari, dopo la morte di Salvatore Vacca, convocò una conferenza stampa per smentire ciò che io non avevo ancora scritto: fu il cappellano della Brigata, al quale mi ero rivolto per sapere, in un incontro riservato, qualcosa di più su Salvatore e sul possibile nesso tra la malattia e la missione in Bosnia, che spiattellò tutto al comandante e cioè che un giornalista stava indagando sulla morte di un loro soldato, dovuta, forse, a quei proiettili. Smetita preventiva. Non mi è mai più capitato. Iniziai così a scrivere.

Dapprima da solo o quasi, poi qualcun altro incominciò a farlo, ricordo il Manifesto, Liberazione, la Nuova Sardegna, ma ancora poca roba. Per i big della stampa il problema non esisteva e lo scandalo DU non era ancora diventato un caso planetario. Il candidato di Renzi al Quirtinale, Sergio Mattarella, nel nome della trasparenza e della libera informazione, continuava a respingenere le mie richieste di intervista. Provai anche con uno dei suoi sottosegretari, Gianni Rivera, il popolare ex Golden Boy, non ancora eroe di “Ballando con le stelle”, che raggiunsi telefonicamente mentre questi stava dispuntando una partita al circolo del tennis. Non malignate: l’orario di lavoro di un giornalista non sempre coincide con quello di una persona normale. Mettiamola così. Rivera non sapeva neppure cosa fosse l’Uranio Impoverito.
Si arriva così al 27 gennaio 2001, giorno in cui decido di tendere un’imboscata al ministro Mattarella, che si trova ad Ascoli col presidente della commissione Difesa della Camera Valdo Spini per il giuramento del primo contingente di donne militari di truppa dell’Esercito italiano, lo stesso in cui qualche anno dopo si distinse l’istruttore Salvatore Parolisi (ma questa è un’altra storia). Avvicinai Mattarella nella ressa dei giornalisti e riuscii a porgli un paio di domande, alle quali, assai piccato, si rifiutò ancora una volta di rispondere.
O meglio, anche in quell’occasione negò qualsiasi nesso tra DU e i linfomi o le leucemie. Fantasie della stampa. Provai a insistere, ma lui mi respinse con toni e modi definitivi «Questa non è un’intervista» mi disse. «Io le interviste le concordo prima, poi voglio per iscritto le domande e infine leggere il testo del giornalista prima che questi lo dia alle stampe».

Tutte le volte che ho letto qualche sua intervista sui maggiori quotidiani, negli anni a venire, è ovvio che poi ho pensato male. Mattarella girò i tacchi se ne andò, così mi beccai anche il rimprovero dei colleghi perché avevo fatto scappare il ministro con domande “fuori tema”.

Raccontai questa scena nel mio pezzo che conclusi lasciando al lettore ampia facolta di scelta sul caso dell’Uranio Impoverito, che non era diventato un “caso” solo perché Striscia la Notizia non se ne era ancora occupata (l’Italia è questa). Insomma, scrissi, come volete la verità: liscia, gassata o Mattarella? E’ una domanda che ora pongo anche a chi ha avuto la pazienza di leggere tutto il post, del quale mi scuso ancora una volta per la lunghezza. Come deve essere la verità in questo Paese allo sbando: liscia, gassata o Mattarella?

(secondo l’Osservatorio Militare sono 307 i militari italiani morti e oltre 3.700 i malati: è la macabra contabilità della cosiddetta “Sindrome dei Balcani”. Il contingente italiano era di stanza nell’area più inquinata dai colpi sparati in Bosnia e Kossovo: 50 siti, per un totale di 17.237 proiettili, secondo fonti ufficiali Nato/Kfor. Non solo: la missione Nato in cui si parlava di armamenti al DU e dei 13 Tomahawk con testata al DU sparati dall’Adriatico, è stata presentata dall’ammiraglio Leighton Smith alla Base di Ponticelli, Napoli. Solo Mattarella non sapeva o diceva di non sapere).

https://www.facebook.com/lorenzo.sani.71?fref=nf

#Italia #SergioMattarella #Mattarella #Uranio #UranioImpoverito #crimini #criminali #salute #tumori #militari #Quirinale #VergognedItalia 
2016-09-05
3 commenti sul post originale
Foto del profilo di scorpione 52Foto del profilo di Gabriel CantoreFoto del profilo di Roberto Scanga
2 commenti
Gabriel Cantore
07 set 2016+
non è mai stato il mio presidente..
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – 06 set 2016

A TUTTI I PARTITI PATRIOTI D’ITALIA, seguite le parole di Matteo Salvini; da Forza Italia a Lega Nord, a Fratelli d’Italia, a La Destra, a Conservatori e Riformisti, a CasaPound Italia, a Forza Nuova, a PLI, a fuoriusciti grillini, anche a chi é di sinistra, ma vuole bene all’Italia, FATE VOSTRO L’APPELLO DI SALVINI!!!!! BASTA, nessun militare DEVE andare a prendere GLI INVASORI in Africa (li andiamo a prendere a 700 km dalla nostra costa) ! #StopScafismoDiStato
———– ————-
SALVINI LANCIA APPELLO A MILITARI-SCAFISTI: “DISOBBEDITE A ORDINI O SIETE COMPLICI”
SETTEMBRE 6, 2016 REDAZIONE LASCIA UN COMMENTO

“I militari fanno il loro lavoro, rispettano gli ordini. Se un ordine è sbagliato bisognerà cominciare a disubbidire agli ordini sbagliati. Siamo arrivati a un livello di invasione e di insicurezza tale che chi indossa una divisa dovrà essere libero di scegliere se continuare a fare lo scafista, il complice degli scafisti o se cominciare a dire dei ‘no’. Sta a noi aprire la strada”.

Lo ha dichiarato Salvini durante un presidio davanti alla caserma Montello di Milano contro l’atteso arrivo nella struttura dell’Esercito di alcune centinaia di finti profughi. All’interno della caserma Salvini ha passato anche qualche mese come militare di leva.

Ora sta a voi, militari. Avete anche una copertura politica ufficiale. Se continuerete a rendervi complici di questa invasione, che è anche un osceno business targato PD-Vaticano, allora ne risponderete. Ci sarà, anche per voi, una Norimberga.

SALVINI LANCIA APPELLO A MILITARI-SCAFISTI: “DISOBBEDITE A ORDINI O SIETE COMPLICI”


http://www.askanews.it/top-10/salvini-incita-i-militari-alla-disobbedienza-sui-migranti_711890212.htm

#Italia #ScafistiDiStato #MarinaMilitare #islamizzazione #immigrazione #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StopInvasione #WelcomeRefugees #NotWelcomeRefugees #RIfugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StopInvasione #WelcomeRefugees #NotWelcomeRefugees 
Foto del profilo di Livio BuzziFoto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Egidio Dellacroce
10 commenti
giubra63
09 set 2016+

+Livio Buzzi …. :-)
Aggiungi un commento…
ESTERI
giubra63
Condivisione pubblica – 06 set 2016

Ma quale complottismo! Articolo del 2014, e di Panorama.
Hillary Clinton, se eletta, non arriverà alla fine della presidenza.
#NonVotatela

Hillary Clinton è malata, ma deve rimanere un segreto
Lo scoop è del giornalista Ed Klein. Lo rivela nel suo ultimo libro: l’ex First Lady ha anche problemi cardiaci
http://www.panorama.it/news/esteri/obamamania/hillary-clinton-malattia/

#USA #HillaryClinton #Clinton #Rodham #Killary #PresidenzialiUSA2016 #Presidenziali #email #emailgate #JulianAssange #Assange #SethConradRich #Rich #Wikileaks #Guccifer2 #murder #HillaryForPrison2016 #NeverHIllary #crookedHillary
Hillary Clinton è malata, ma deve rimanere un segreto – Panorama
panorama.it
Foto del profilo di elisabetta rigottiFoto del profilo di Roberto Scanga
4 commenti
Roberto Scanga
06 set 2016+
+elisabetta rigotti A volte il Destino agisce non sempre. La gente spesso confonde la volontà umana con il destino. 
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 06 set 2016

SOLO UNA COSA DA FARE: DIMISSIONI DELLA RAGGI E VOTAZIONI!!!!

#Raggi_rati poveri grillini
Virginia Raggi non giochi con le parole: chieda scusa o si dimetta. C’è qualcosa di squallido, folle e autolesionista nella gestione del caso Paola Muraro da parte della sindaca di Roma Virginia Raggi. L’assessore all’ambiente della giunta M5s di Roma sapeva di essere sotto inchiesta per violazione della legge sui reati ambientali da fine luglio.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/09/05/virginia-raggi-non-giochi-con-le-parole-chieda-scusa-o-si-dimetta/3014944/

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi
Virginia Raggi non giochi con le parole: chieda scusa o si dimetta – Il Fatto Quotidiano
Il Fatto Quotidiano
C’è qualcosa di squallido, folle e autolesionista nella gestione del caso Paola Muraro da parte della sindaca di Roma Virginia Raggi. L’assessore all’ambiente della giunta M5s di Roma sapeva di essere sotto inchiesta per violazione della legge sui reati ambientali da fine luglio. Il 18 di quel mese, tramite il suo avvocato, aveva presentato una …
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – 06 set 2016

TARANTO OSTAGGIO DEI MUSULMANI VU CUMPRà:
“Io non ho paura e non sono razzista, ma non è ammissibile che un ambulante minacci noi commercianti fino al punto di fare il gesto dei tagliagole”.
È altissima la tensione a Taranto fra proprietari di negozi e commessi da un lato ed extracomunitari dall’altro. Vincenzo Scialpi racconta al Giornale.it la sua esperienza. Lui, un esercizio nel centro cittadino, descrive le difficoltà che la categoria vive nei sempre più complicati rapporti con chi affolla i marciapiedi vendendo la propria mercanzia.

“Tutto è iniziato venerdì scorso – spiega Scialpi – quando un mio collega ha avvisato i vigili urbani. La pattuglia non ha fatto in tempo ad arrivare e gli ambulanti erano già fuggiti. Poi sono tornati ed entrando nei negozi volevano, addirittura, sapere chi avesse chiamato le forze dell’ordine. Inaudito. Francamente le mie commesse hanno avuto paura, mi hanno telefonato perché non ero presente in quel momento e sono accorso, ma gli extracomunitari erano già andati via. Sabato scorso – prosegue Scialpi – gli ambulanti sono arrivati con i loro tappeti carichi di merce intorno alle 19,30. Eravamo pronti, insieme ad altri colleghi, a chiamare di nuovo le forze dell’ordine. Purtroppo non è arrivato nessuno eppure ci siamo rivolti a polizia, carabinieri, guardia di finanza. La competenza, ci hanno ripetuto, è solo dei vigili urbani. Il problema è che mentre eravamo sulla strada ho inavvertitamente messo il piede sul tappeto di uno di questi ambulanti il quale ha reagito come dicevo, minacciando di tagliarmi la gola. Poi è scappato, perché nel frattempo era passata una pattuglia della guardia di finanza”.
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/taranto-commerciante-minacciato-dagli-ambulanti-1303327.html

#Italia #Taranto #VuCumprà #ambulantiirregolari #ambulanti #immigrazione #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StopInvasione #WelcomeRefugees #NotWelcomeRefugees #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #StopInvasione #WelcomeRefugees #NotWelcomeRefugees
Taranto, commerciante minacciato dagli ambulanti extracomunitari col gesto dei tagliagole
il Giornale
Foto del profilo di Gisella D (Gi)Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Stelle In cielo
6 commenti
giubra63
07 set 2016+
+Roberto Scanga 🙂 devono ….
Aggiungi un commento…
In comune con te
15 persone
Foto del profilo di WakeUpUSAxRonPaul
Foto del profilo di revenge Yitzhak Kaduri
Foto del profilo di Casa Vittoria
Foto del profilo di Lorenzojhwh Unius REI
Foto del profilo di UniusRei3
Foto del profilo di ROSSATI GUALTIERO
Foto del profilo di adv. natalino ventrella
Foto del profilo di Morgan Zimmer
Foto del profilo di Sergio DiM
Lo hanno aggiunto alle cerchie
251 persone
Foto del profilo di Giovanni Battista Bonfiglio
Foto del profilo di VENDOTUTTONLINE VENDOTUTTONLINE
Foto del profilo di Peter Parker
Foto del profilo di Alessia Ancient
Foto del profilo di felice diviggiano
Foto del profilo di Stefano Lodi Rizzini
Foto del profilo di maurizio mattucci
Foto del profilo di Alberta Petti
Foto del profilo di Rosy Danesi
Community8 community

Antico Egitto di Iside

Archivio storico del FASCISMO
Il bello delle Regioni d’Italia

EUROPA (extra Unione Europea)
giubra63
Condivisione pubblica – 14:26

11-12 Settembre 1683 Battaglia di Vienna

Il 14 luglio del 1683, l’esercito ottomano comincio’ l’assedio della città cristiana di Vienna, capitale dell’Impero Asburgico. Nel 1683, sedeva sul trono austriaco Leopoldo I che in quel momento non si trovava a Vienna ma a Passavia, la situazione creatasi era molto grave per gli asburgici, in quanto 140000 Turchi ottomani, comandati dal Gran Visir Kara Mustafà si erano accampati davanti alla città con l’intenzione di conquistarla e a quel punto, la strada per l’Europa, sarebbe stata spianata per l’Impero Ottomano, la Mela Rossa, così chiamato l’obbiettivo di ogni mussulmano, un tempo Costantinopoli, adesso era Vienna, città cristiana capitale dell’Impero Asburgico.

L’Impero Ottomano, nel 1683 rappresentava ancora una potenza in Europa, in quel momento governato dal Sultano Maometto IV ed erano passati diversi anni, più di un secolo, dal 1529, quando il primo assedio, condotto dagli ottomani contro gli austriaci, si risolse in una ritirata dei turchi di Solimano, i 20000 difensori erano riusciti a resistere finchè dopo giorni di pioggia incessante di assedio turco, costrinsero alla ritirata le truppe turche, contro un esercito di circa, le fonti parlano di 300000 uomini, in quel momento il Re Carlo V, si trovava a combattere altrove. Nel 1683, i Turchi Ottomani, trovarono una Vienna molto più fortificata rispetto all’assedio del 1529, infatti i viennesi avevano provveduto alla costruzione di Mura con bastioni stellati e provvisti di diversi cannoni per difendere la città e respingere gli aggressori, posizionati in modo strategico per avere una ampia portata di tiro contro le truppe nemiche.

I Turchi Ottomani, quel 14 luglio iniziarono un assedio, attaccando la città bombardando con i loro cannoni le mura della città e il problema per i viennesi, non erano solo i ripetuti attacchi nemici ma si aggiungevano le epidemie all’interno di Vienna dovute alle difficoltà dell’assedio e la gravità della situazione che stava evolvendo a favore degli assedianti, in quanto i Turchi avevano messo a punto una strategia per sconfiggere e far capitolare la città. L’esercito della Sublime Porta, oltre ai ripetuti attacchi dei Giannizzeri, lanciati contro Vienna ed alle cannonate sparate contro le mura, avevano iniziato lo scavo di una moltitudine di tunnel sotto la città e far esplodere una serie di mine per far crollare le fortificazioni in un punto strategico, aprendo la strada per la conquista della citta’ ai Turchi Ottomani di Kara Mustafà.

I tunnel scavati sotto le mura di Vienna dagli Ottomani
Il capitano di Vienna incitava le ormai truppe difensive di Vienna, ridotte a 4000 unità circa a resistere mentre inviava i suoi fedeli messaggeri, travestiti da turchi, oltre le file dell’accampamento turco, per consegnare messaggi alle truppe della Lega Santa, ultima speranza per Vienna, di essere salvata dall’assedio turco. La Lega Santa, istituita e tenuta insieme dalla diplomazia dell’Imperatore del Sacro Romano Impero Leopoldo I, e anche dal Papa Innocenzo XI per togliere l’assedio da Vienna e cacciare i Turchi Ottomani al di fuori dell’Austria, era comandata dal Re di Polonia Giovanni III Sobieski e rappresentava l‘insieme di più nazioni come la Sassonia, La Franconia, la Baviera, la Svevia, la Repubblica di Venezia, il Granducato di Toscana, la confederazione Polacco-Lituana, l’Austria, il Sacro Romano Impero, i comandanti che componevano la Lega Santa, oltre al sovrano polacco erano il Duca di Lorena Carlo V, per gli Austriaci e italiani, Giorgio Federico di Waldeck, per i franconi, svevi e bavaresi, Giovanni Giorgio III, per i sassoni. La situazione era disperata per Vienna, diverse mine erano già state fatte detonare sotto la città, all’interno dei tunnel e i difensori erano stremati dai continui attacchi Ottomani e dalle epidemie, e l’esercito alleato, la Lega Santa, doveva ancora arrivare sul campo di battaglia, nonostante grazie al coraggio e alla perseveranza dei messaggeri viennesi, che mantenevano la comunicazione tra la città assediata e l’esercito alleato.

I Viennesi, dopo aver respinto dentro i tunnel scavati dai Turchi Ottomani, i nemici e disinnescato l’ultima mina, grazie ad una idea di utilizzare dei piselli posizionati sopra un ripiano e capendo dal loro movimento quanto fosse la vicinanza dei turchi che stavano scavando le gallerie, l’11 settembre il Re Polacco Giovanni III Sobieski arrivò davanti all’accampamento turco. Il Gran Visir Ottomano Kara Mustafà, sperava di conquistare prima dell’arrivo dei cristiani, la Città di Vienna, con la strategia dell’esplosione delle mine fatte innescare dai suoi soldati sotto i bastioni delle mura Viennesi ed intanto divise una parte del suo esercito e la mandò ad affrontare i cristiani, arrivati per evitare la disfatta di Vienna. L’esercito alleato attaccò i Turchi, il Gran Visir Ottomano aveva sottovalutato l’esercito di liberazione, composto da 46600 uomini, sbaragliandoli, con la carica degli Ussari Alati Polacchi, il campo turco venne saccheggiato, Kara Mustafà venne fatto strangolare a Belgrado su ordine del Sultano Ottomano Maometto IV e venne firmato il Trattato di Karlowitz, il 26 gennaio 1699, dopo altre battaglie, dall’Assedio di Vienna del 14 luglio 1683, segnando l’inizio della fine, per una parte degli storici, della potenza Ottomana e l’inizio di quella Asburgica in Europa.
https://lainfinitastoria.com/2014/04/24/231/

#Europa #Islam #EugenioDiSavoia #Eugenio_Di_Savoia #LeopoldoI di #Asburgo #MaomettoIV #GiovanniIIISobieski #Vienna #BattagliadiVienna #11Settembre1683 #SacroRomanoImpero #TurchiOttomani #Turchi #Ottomani #ImperoOttomano #LegaSanta #MarcodAviano #ChiesaCattolica #PapaInnocenzoXI #InnocenzoXI #Papato #BeatoMarcodAviano #Austria #Baviera #Sassonia #Venezia #Toscana #Polonia #Franconia #Svevia #Mantova 
2016-09-11
Foto del profilo di Jos 94
Jos 94
14:28+

Non solo la Battaglia terrestre di Vienna fu un ottimo combattimento tra le forze cristiane e quelle ottomane, ma anche la Battaglia navale di Lepanto
Aggiungi un commento…
CHIESA CRISTIANA CATTOLICA
giubra63
Condivisione pubblica – 13:57

Fuori i musulmani dalle Chiese!

#Italia #SantaChiara #Assisi #Chiese #Chiesa #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #proibireIslam #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome #FratelliMusulmani #dhimmi #dhimmitudine #sottomissione #ChiesaCristianaCattolica #ChiesaCattolica #cattolici #cristiani #Jihad
Condiviso inizialmente da Maria Teresa Riccitelli:

I MUSULMANI NELLE CHIESE? SANTA CHIARA LI FECE FUGGIRE DA ASSISI
Fu la prima ragazza a seguire San Francesco e nel 1240 protesse Assisi dai saraceni, veneratori, oggi come allora, di Maometto e non di Gesù
di Cristina Siccardi

Mentre nelle chiese si accolgono i musulmani e li si rende partecipi delle proprie liturgie, come è accaduto dopo l’assassinio del parroco di Saint-Etienne-du-Rouvray, accadono contemporaneamente episodi sacrileghi per loro mano perché l’Islam possiede nel suo patrimonio genetico il dovere di infierire e piegare gli infedeli. Le recenti profanazioni nelle chiese di Venezia sono la dimostrazione che la moderna pastorale ecumenica, che oggi invita ad una blasfema convivenza religiosa e non ad una oculata tolleranza, porta a creare situazioni che si ritorcono contro la Chiesa stessa.
Dopo il braccio spezzato al Cristo settecentesco di San Geremia a Venezia da parte di un franco-magrebino, ora espulso, pochi giorni dopo quattro donne musulmane velate hanno sputato sul Crocifisso della chiesa di San Zulian, vicina alla Basilica di San Marco. In questo sacro luogo entrano addirittura degli islamici per pregare Allah e quando sono stati ripresi dal sacrestano, il quale li ha invitati ad andare nelle loro moschee, essi hanno risposto spavaldamente che sono autorizzati a pregare proprio lì, perché «possiamo, il Papa ci ha dato il permesso». Di fronte agli invasori musulmani santa Chiara di Assisi (festa liturgica: 12 agosto per il calendario del Vetus ordo e 11 agosto per quello del Novus ordo) reagì ben diversamente…

LE VIOLENTE E SANGUINARIE SCORRERIE DEI SARACENI
Al tempo della santa essi venivano chiamati saraceni (termine utilizzato a partire dal II secolo d.C. sino a tutto il Medioevo per indicare i popoli provenienti dalla penisola araba o, per estensione, di religione musulmana). In Italia i saraceni compirono, per secoli, diverse incursioni prima nel Sud, conquistando la Sicilia, poi nel Nord Occidente, con base in Provenza (nel 906 saccheggiarono e distrussero l’Abbazia della Novalesa). Con le loro violente e sanguinarie scorrerie giunsero anche ad Assisi. Fu proprio Madre Chiara (1193/1194-1253) a fermarli. Figlia del conte Favarone di Offreduccio degli Scifi e di Ortolana, catturata dalla predicazione di san Francesco d’Assisi, nella notte della domenica delle Palme, quando aveva circa 18 anni, fuggì da una porta secondaria della casa paterna, situata nei pressi della cattedrale di Assisi, al fine di raggiungere Francesco e i suoi frati minori nella chiesetta di Santa Maria degli Angeli, già allora denominata Porziuncola. Francesco la condusse al monastero benedettino di San Paolo delle Badesse presso Bastia Umbra, per poi trovarle ricovero nel monastero di Sant’Angelo di Panzo, alle pendici del Subasio, dove poco dopo fu raggiunta dalla sorella Agnese. Infine prese dimora nel piccolo fabbricato annesso alla chiesa di San Damiano, restaurata da san Francesco sotto il permesso del Vescovo Guido. Qui Chiara venne raggiunta da un’altra sorella, Beatrice, e da sua madre, oltre che da molte altre donne: dapprima vennero chiamate popolarmente Damianite, mentre Francesco usava il titolo di Povere Dame, per prendere poi il nome di Clarisse.

I SARACENI AD ASSISI
Aveva circa 47 anni quando i saraceni insidiarono Assisi e il suo monastero. Non surrogato femminista, come molte suore odierne, Madre Chiara si pose a difesa con Cristo della sua amata città, sprovvista di valide difese. Federico II, Imperatore del Sacro Romano Impero e Re di Sicilia, aveva mosso guerra contro la Chiesa, spingendo le sue soldataglie all’invasione delle terre pontificie, chiedendo ausilio ai più fieri nemici della cristianità, i saraceni appunto. Ne assoldò circa 20 mila, donando loro la città di Lucera, nel regno di Napoli e da quella base partirono per continue scorrerie, saccheggiando, distruggendo, incendiando città e castelli, compiendo sacrilegi e profanazioni nelle chiese e nei monasteri, uccidendo e facendo prigionieri. Un venerdì del settembre 1240 scalarono le mura del monastero di Santa Chiara e le suore, lascia scritto Tommaso da Celano: «Corsero a santa Chiara che era gravemente inferma e, con molte lacrime, le dissero come quella gente pessima avevano rotte le porte del monastero. Ed essa le confortava che non temessero […] ma armate di fede ricorressero a Gesù Cristo. E giacendo santa Chiara sulla paglia, inferma, si fece portare una cassettina d’avorio dove era il Santo Corpo di Cristo consacrato e si fece portare incontro a quella mala gente. E orando devotamente […] “Pregoti, Signor mio, che ti piaccia che queste tue poverelle serve, le quali tu, Signore, hai nutricate sotto la mia cura, che non mi siano tolte né tratte di mano, acciò che non vengano nelle mani e alla crudeltà di questi infedeli e pagani; onde pregoti, Signor mio, che tu le guardi, che io senza di te guardarle non posso e massimamente ora in questo amaro punto”. A questo priego, dalla cassettina che aveva dinnanzi reverentemente, si uscì una voce, come di fanciullo e, udendola tutte le suore, disse: “Io per tuo amore guarderò te e loro sempre” […]». (Vita di santa Chiara vergine, Opusc. I,21-22, in FF 3201, pp. 1915-1916).
I mercenari islamici fuggirono precipitosamente dal monastero, respinti dalla potenza di una forza invisibile. E di lì a poco lasciarono Assisi.

IL SECONDO ATTACCO SARACENO AD ASSISI
Tuttavia, nel 1241 l’Imperatore, scomunicato da Gregorio IX, non tollerando la sottomissione di Assisi al romano Pontefice, organizzò una nuova spedizione. Quando il pericolo fu imminente santa Chiara chiamò le consorelle: ordinò un giorno di digiuno, dopo il quale le invitò a cospargersi il capo di cenere e a prostrarsi con lei davanti al tabernacolo. La mattina del 22 giugno un forte temporale portò lo scompiglio nell’accampamento degli assedianti, costringendoli ad una nuova fuga. Santa Chiara difese Cristo, il monastero, la sua città con l’arma della Fede e con il Corpo di Nostro Signore. Catturata a Cristo grazie a san Francesco, abbandonò tutte le offerte terrene per vivere con sorella Povertà e unirsi al Crocifisso per guadagnare la salvezza di molti. Votata unicamente a Dio, si lasciò guidare da un’unica ricchezza, la Trinità, e non ebbe stima per nessun’altra religione che non fosse quella cattolica. […]
Ricoprire le nostre terre cristiane di moschee, entrare nei centri di culto islamici, ammettere i musulmani nelle nostre chiese, dando luogo ad un sincretismo tanto profanatorio quanto assurdo, non potrà mai essere la chiave risolutiva dell’attuale violenza islamica. Santa Chiara arrestò i saraceni, veneratori, oggi come allora, di Maometto e non del Figlio di Dio, con la fiducia totale nella Verità, nella Giustizia, nei Valori, nella Pace, nella Libertà portata da Gesù Cristo e Gesù Cristo fece sentire la sua potenza.


Visualizza post originale
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Sergio DiMFoto del profilo di Morgan Zimmer
2 commenti
Roberto Scanga
17:34

Basterebbe che tutte le chiese in Italia chiuderebbero per motivi di sicurezza e il problema si risolverebbe. Ma chi sarebbe disposto a farlo ??? Disobbedire al papa non è difficile ma la sudditanza sì, dunque anche loro sono come i politici. Che bel paese è il nostro. I fedeli dovrebbero protestare con i loro parroci e indurli a comunicare per iscritto la loro protesta direttamente a Bergoglio anche se non gli importa nulla. Al limite non andare più in chiesa. E ripeto la domanda chi sarebbe disposto a farlo ?
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – Ieri alle ore 21:15

GOVERNO SMASCHERATO:

I successi del Jobs act: aumentano i licenziamenti e calano le assunzioni

Aggiunto da Filippo Burla il 10 settembre 2016.

I successi del Jobs act: aumentano i licenziamenti e calano le assunzioni

renzi poletti licenziamentiRoma, 10 set – Il jobs act è un flop, a dirlo sono i licenziamenti. Ieri è arrivata l’ennesima conferma. Nel secondo trimestre del 2016, infatti, le attivazioni di contratti a tempo indeterminato sono state 392.043, il 29,4% in meno rispetto all’anno scorso (-163.099). Lo rileva il ministero del Lavoro con le comunicazioni obbligatorie appena pubblicato dal ministero del Lavoro. Il dato non smentisce l’ultimo rapporto Osservatorio dell’Inps sul precariato. Secondo l’Inps: “Nel primo semestre del 2016 (da quando si sono drasticamente ridotti gli incentivi governativi), i nuovi rapporti di lavoro stipulati nel settore privato sono stati pari a due milioni e 572mila unità, in calo del 10,5% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente”. “La diminuzione – spiega l’ente previdenziale – è dovuta soprattutto al calo dei contratti a tempo indeterminato, in flessione del 33,4% rispetto ai primi sei mesi del 2015 (-326mila unità)”. La notizia era stata data su questo sito il 31 agosto scorso.

Torniamo ai dati del ministero del Lavoro analizzando il rapporto tra cessazioni e attivazioni. Nel secondo trimestre del 2016 sono state registrate 2,45 milioni di attivazioni di contratti nel complesso a fronte di 2,19 milioni di cessazioni. La maggioranza delle cessazioni sono dovute al termine del contratto a tempo determinato (1,43 milioni). Tra i licenziamenti sono aumentate quelle promosse dal datore di lavoro (+8,1%) mentre si sono ridotte quelle chieste dal lavoratore (-24,9%). In particolare sono aumentati i licenziamenti (+7,4% sul secondo trimestre 2016). Nel periodo i licenziamenti sono stati infatti 221.186, 15.264 in più rispetto al secondo trimestre 2015. Sono invece diminuite le chiusure di contratto dovute alla cessazione dell’attività del datore di lavoro (-10,3%). Come si vede il jobs act nel medio periodo si è rivelato assai inefficace. Matteo Renzi non è riuscito a cambiare verso. Inoltre, anche durante il boom del 2015 l’Italia era fanalino di coda per la disoccupazione giovanile. A rivelarlo è una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro. Secondo questo studio: “Dal 2007 al 2015 la disoccupazione giovanile in Italia è aumentata di 17,4 punti percentuali, passando dal 21,4% (ultimo trimestre 2007) al 38,8% (ultimo trimestre 2015). Nello stesso periodo di tempo la categoria dei Neet, i giovani non occupati che non frequentano né scuole né corsi di formazione, è inoltre cresciuta di 7,4 punti percentuali (passando dal 19,5% al 26,9%)”. Il confronto con gli altri paesi europei è impietoso. Osservando i dati Ocse, inoltre, si scopre infatti che nella classifica siamo il Paese dell’UE con il più alto tasso di inattività giovanile per quanto riguarda l’anno 2015. Se poi guardiamo ai dati della disoccupazione giovanile, peggio di noi hanno fatto solo Spagna (+27,4 punti percentuali, passata dal 19% al 46,4%) e Grecia (+26,5 punti, passata dal 22% al 48,5%).

Questi dati sono un’altra dimostrazione, qualora ce ne fosse bisogno, che con il jobs act non solo non fa aumentare l’occupazione ma indebolisce inutilmente i diritti dei neo assunti.

Salvatore Recupero

#Italia #Renzi #Poletti #Economia #Lavoro #JobsAct
I successi del Jobs act: aumentano i licenziamenti e calano le assunzioni
ilprimatonazionale.it
Il Jobs Act è un fallimento: crescono nel mese di giugno i licenziamenti, mentre le assunzioni (senza incentivi) restano al palo.
Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Morgan Zimmer
Roberto Scanga
03:52+

Forza Renzi che ci siamo………
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – Ieri alle ore 00:01

Anche i prostituti omosessuali devono stare attenti ai criminali islamici!
Bye bye affari! (io sono favorevole a case chiuse legalizzate, controllate)
http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2016/09/09/news/limena-gigolo-gay-rapinato-nella-notte-1.14078771

#Italia #Limena #Padova #Veneto #islamici #musulmani #crimini #prostituzione 
Limena, gigolò gay rapinato nella notte – Cronaca – Il Mattino di Padova
mattinopadova.gelocal.it
Foto del profilo di Roberto Scanga
Roberto Scanga
Ieri alle ore 02:04+

Condivido per le case chiuse.
Aggiungi un commento…
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

ALLARME PEDOFILIA DEI MUSULMANI IN GERMANIA: “Migranti, in Germania è boom di matrimoni con minori.
Secondo il ministero degli Interni di Berlino, in Germania almeno 1.500 minori stranieri risultano già sposati. La maggior parte sono migranti provenienti da Siria, Iraq e Afghanistan.”
Tra l’altro il maggior arrivo di clandestini islamici nel 2015 sta consentendo poligamia, incesti (sposi tra cugini), e pedofilia, visto e considerato che i Tribunali non ce la fanno a tenere a bada tutti i crimini islamici!!!
#BandireIslam , #ProibireIslam in Europa é un urgenza, anzi la urgenza.
http://www.ilgiornale.it/news/mondo/migranti-germania-boom-matrimoni-minori-1305000.html

#Germania #matrimoni #sposabambina #sposebambine #incesto #pedofilia #pedofili #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #proibireIslam #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome #FratelliMusulmani #dhimmi #dhimmitudine #sottomissione 
Migranti, in Germania è boom di matrimoni con minori
il Giornale
Secondo il ministero degli Interni di Berlino in Germania almeno 1.500 minori stranieri risultano già sposati. La maggior parte sono migranti provenienti da Siria, Iraq e Afghanistan
Foto del profilo di Paul RydeFoto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Morgan Zimmer
2 commenti
Roberto Scanga
Ieri alle ore 02:49+
Ci sarà poi il partito islamico con a capo Obama che dirà che bisogna salvaguardare la democrazia in Europa e saper convivere con tutte le razze e le religioni. Un bel Calderone destinato a scoppiare.
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

FINTI PROFUGHI MA VERI INVASORI ISLAMICI AFRICANI: Ben 700.000 dal 2012! #RimandiamoliACasaLoro #StopInvasione
Stop #business di coop, preti rossi, Carita$, false ong.

#Italia #coop #Caritas #falseong #pretirossi #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome
ivana ceccolin ha condiviso per prima il post con FORZA LEGA (Discussione):

1 commento sul post originale
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Morgan Zimmer
4 commenti
giubra63
09 set 2016+

+Roberto Scanga certamente che no. Fa parte del sistema coop bianche
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

Siamo alla frutta!

Commercio, in un anno chiuse 5mila imprese
ECONOMIA, In risaltomartedì, 6, settembre, 2016

Confesercenti – La sofferenza del tessuto imprenditoriale, segnalata anche dai dati Istat sulla fiducia di agosto, vede un peggioramento di oltre 4 punti percentuali per il commercio al dettaglio, è evidente dal proseguimento della riduzione dello stock di imprese.
In un anno il settore perde lo 0,8% delle attività, pari a oltre 5mila imprese. La diminuzione investe quasi tutte le tipologie, dall’alimentare specializzato (-0,6%) al non alimentare (-0,8%), con picchi di diminuzione per vendita di giornali e riviste (-2,8%), gestori carburanti (-2,7%), orefici (-1,9%) e librai (-1,4%). Prosegue anche la crisi della moda (-1%). (AdnKronos)
http://www.imolaoggi.it/2016/09/06/commercio-in-un-anno-chiuse-5mila-imprese/

#Italia #Renzi #PD #Economia #Commercio 
Commercio, in un anno chiuse 5mila imprese – Imola Oggi
imolaoggi.it
Confesercenti – La sofferenza del tessuto imprenditoriale, segnalata anche dai dati Istat sulla fiducia di agosto, vede un peggioramento di oltre 4 punti percentuali per il commercio al dettaglio, è evidente dal proseguimento della riduzione dello stock di imprese. In un anno il settore perde lo 0,8% delle attività, pari a oltre 5mila imprese. […]
Foto del profilo di Luca ViolaFoto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto Scanga
3 commenti
Roberto Scanga
09 set 2016+

+giubra63 Può fare coppia insieme a quella sciagurata all’Onu
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

FRANCIA SULL’ORLO DELLA GUERRA: A Tolone e Parigi le donne non possono girare in pantaloncini corti, altrimenti vengono insultate da islamici schifosi che le offendono. Ad aiutare le donne intervengono amici e mariti, ma di fronte ai ragazzi islamici hanno avuto la peggio!
Italiani ed europei insorgete contro questo clima di odio che gli islamici hanno nei confronti delle donne!
BASTA!!!!!!
http://www.corriere.it/esteri/16_settembre_09/non-potete-girare-short-tolone-aggredite-due-donne-0289f642-75fb-11e6-8af7-7197ea220eb4.shtml?refresh_ce-cp

#Francia #Tolone #Parigi #SexJihad #JihadSessuale #RapeSex #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #proibireIslam #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome #FratelliMusulmani #dhimmi #dhimmitudine #sottomissione 
«Non potete girare in short» A Tolone aggredite due donne
Corriere della Sera
Le signore sono state prese a male parole mentre stavano facendo una passeggiata insieme ai figli e ai mariti. Questi ultimi sono intervenuti per difenderle e sono stati picchiati dalla banda di integralisti. A giugno un altro episodio di intolleranza
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Unius kingREIFoto del profilo di Roberto Scanga
15 commenti
Unius kingREI
17:59

il SIGNORAGGIO BANCARIO SPA ROTHSCHILD È IL SUO gOVERNO MASSONICO È ISTIGAZIONE AL SUICIDIO ] [ BISOGNA CONDIVIDERE QUESTO VIDEO CON TUTTI I PROPRI CONTATTI AFFINCHE’ TUTTI LO VEDANO E CONOSCANO QUESTA REALTA’! 14 apr 2014 Istigazione al suicidio è un reato previsto dall’articolo 580 del codice penale. Milioni di cittadini italiani sono allo stremo, senza lavoro, con debiti, uno stato che non garantisce più nulla e chiede l’impossibile minacciando di sbatterli su un marciapiede con il suo intransigente esattore privato, debole coi forti e forte coi deboli.
Ad oggi sono state oltre 15.000 le querele depositate da cittadini italiani contro il Governo, solo nelle ultime due legislature: una clamorosa impennata di cui i media principali non parlano per non far scaturire ulteriori denunce. Ne parla solo il TG di una nota emittente TV pugliese come si vede in questo servizio. I magistrati ora devono passare in rassegna tutte le denunce e, se ci saranno i requisiti, dovranno aprire le indagini. https://www.youtube.com/watch?v=dZR4jDlE0C0
L’istigazione al suicidio è un reato. Si può trovare nell’articolo 580 del codice penale. Per questo tutti gli italiani che si trovano allo stremo, per le varie problematiche che negli anni stanno aumentando, si sono scagliati contro lo stato. Precari, disoccupati, esodati e tutti coloro che si trovano a vivere giorno per giorno non vedendo un futuro si sono scagliati contro questo stato che non riesce a garantire più nulla, ma richiede a tutti l’impossibile, sbattendo per strada chi non riesce a pagare un debito, che non è stato creato da lui.
In questo momento le querele contro il governo hanno superato le 15mila e sono state depositate, questa è una grandissima impennata, ma i TG nazionali non ne hanno mai parlato. Quale sarà il motivo? L’unico TG che ha menzionato questa notizia è quello di una nota emittente pugliese. Guardando questo video capirete meglio di cosa stiamo parlando. I magistrati passeranno in rassegna tutte le querele per vedere se vi sono i requisiti per iniziare un’indagine. Questo video hanno provato a censurarlo più volte, ma noi lo ripubblichiamo… http://video.attivotv.it/governo-denunciato-per-istigazione-al-suicidio

Roberto Scanga 13:45+ Nel mio profilo ho postato la notizia di Trump che riceve l’appoggio dei vertici militari. Ho ricondiviso anche il tuo post seguente, se vuoi fai pure un commento sulla notizia.
Unius kingREI
17:55 +Roberto Scanga
HO GIÀ DETTO CHE I MILITARI HANNO FINANZIATO HILLARY quasi certamente lei ci porterà in guerra mondiale!
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 09 set 2016

DISASTRO GRILLINO A ROMA, il Direttorio romano si dimette: “Mettetela così: non tutti hanno l’onore di entrare nella storia di Roma. Ma Raffaele De Dominicis (nomina per intercessione intercessione dell’avvocato #Sammarco ), con l’aiuto di Virginia Raggi e di tutto il Movimento Cinque Stelle, c’è riuscito.
Egregiamente. Nemmeno il tempo di sedersi sulla sedia di assessore al Bilancio della Capitale che i grillini lo hanno già messo all’angolo. Appena 4 giorni da nominato, anzi da “indicato”. Poi arrivederci e grazie. “L’ex magistrato e già procuratore generale della Corte dei Conti del Lazio – ha scritto su facebook – , in base ai requisiti previsti dal M5S non può più assumere l’incarico di assessore al Bilancio della giunta capitolina”. Il motivo è che De Dominicis risulta indagato per abuso d’ufficio.” E così la giunta Raggi perde un radicale prestato al M5S, un estimatore di Pannella. Chi nominerà la Raggi?

M5S, il mini direttorio lascia. Terremoto senza precedenti nel Movimento 5 Stelle.
Paola Taverna, Fabio Massimo Castaldo e Gianluca Perilli lasciano il mini direttorio romano. I cinque scelti da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio (Luigi Di Maio, Roberto Fico, Alessandro Di Battista, Carla Ruocco e Carlo Sibilia) resteranno, invece, cinque.
I romani #Raggi_rati come la prenderanno?
http://www.ilgiornale.it/news/politica/de-dominicis-figuraccia-raggi-e-m5s-assessore-cacciato-51-1303844.html
http://www.ilgiornale.it/news/politica/m5s-ora-direttorio-traballa-raggi-io-non-mollo-1304612.html

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco #LuigiDiMaio #Luigi_Di_Maio #Gigginooripetent #RaffaeleDeDominicis #DeDominicis #Taverna #Castaldo #Perilli 
De Dominicis dura appena 4 giorni: la figuraccia di Raggi e M5S
il Giornale
Raffaele De Dominics era stato appena scelto dalla Raggi come assessore al bilancio. Ma ora il direttorio ha chiesto un passo indietro
Foto del profilo di Marco Alessandro ContiniFoto del profilo di Livio BuzziFoto del profilo di giubra63
3 commenti
giubra63
09 set 2016

+Marco Alessandro Contini Ciao, leggo sola ora. Un bel disastro hanno fatto i romani (e milanesi) ad eleggere due sprovveduti.
Aggiungi un commento…
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 08 set 2016

IL DISASTRO GRILLINO A ROMA: Neanche con il PD, Roma era caduta così in basso. MAI SUCCESSO. Solidarietà ai romani.

#Italia #Roma #VirginiaRaggi #Raggi #Muraro #LuigiDiMaio #Luigi_Di_Maio #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #gigginooripetente #DiMaio
Condiviso inizialmente da Faber Balaklava:

3 commenti sul post originale
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Jos 94Foto del profilo di Stelle In cieloFoto del profilo di ROSSATI GUALTIERO
20 commenti
Jos 94
Ieri alle ore 00:01
+giubra63 infatti, l’ho definito socialdemocratico
Aggiungi un commento…
WhatsApp Friends Italia
giubra63
– 08 set 2016

Sempre più stupri da parte di islamici in Germania, vogliono conquistare le donne e spargere il seme islamico in tutta Europa.
giubra63 ha originariamente condiviso l’elemento in UNIONE EUROPEA:

ALLARME STUPRI IN GERMANIA, DA PARTE DI ISLAMICI: La #Jihadsessuale o #SexJihad , non si ferma , le donne tedesche (come in tutta Europa) sono stuprate o molestate da orde di bestie islamiche pronte nella loro Jihad sessuale, come cani in calore che si devono accoppiare per far figli (islamici).
BASTA, donne insorgete contro questi esseri inumani.

Germania, ci risiamo: donne violentate da immigrati alla festa di paese

#Germania #Essen #EssenOriginalcityparty #SexJihad #JihadSessuale #RapeSex #migranti #invasione #invasori #Islam #UnioneEuropea #Europa #UE #EU #islamici #musulmani #rifugiati #fintirifugiati #profughi #fintiprofughi #refugees #Eurabia #fintiprofuhi #refugeesnotwelcome #proibireIslam #refugeeswelcome #salafiti #bandireIslam #proibireIslam #immigrazione #islamizzazione #immigrati #muslims #clandestini #muslimsnotwelcome #RefugeesWelcome #FratelliMusulmani #dhimmi #dhimmitudine #sottomissione
Germania, ci risiamo: donne violentate da immigrati alla festa di paese
ilprimatonazionale.it
Torna l’incubo dello stupro etnico in Germania: a Essen, molte donne hanno denunciato violenze da parte di immigrati durante la festa cittadina
13 commenti sul post originale
Foto del profilo di Giorgio AngeloniFoto del profilo di Ester De SantisFoto del profilo di Filippo Abbonizio
3 commenti
Filippo Abbonizio
08 set 2016+

E vergognoso ke nel 2016 accadono ancora
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 08 set 2016

NEL M5S DEL VENETO, TUTTI CONTRO TUTTI:
M5s, la base licenzia il capogruppo
Vertici contestati per i Tfr incassati
Tensioni e faide interne nei pentastellati.
Il capogruppo, Simone Scarabel e il suo vice, Erika Baldin, in Consiglio regionale del Veneto sono stati messi sotto accusa per il loro Tfr, a cui non vorrebbero rinuncare .
Ma a livello ufficiale il problema non esiste, nascondono tutto!
L’ex capogruppo Jacopo Berti, Manuel Brusco e Patrizia Bartelle avevano effettivamente detto subito no grazie. Mancavano all’appello il capogruppo Scarabel e la vice Baldin. Che a inizio agosto avevano comunicato non solo la loro intenzione di intascare l’assegno, ma ne avevano spiegato le ragioni in una nota stampa.
http://www.ilgazzettino.it/nordest/venezia/tfr_grillini_regione_veneto-1948398.html

#Italia #Marcon #Venezia #Veneto #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #Scarabel #Baldin #TFR #Berti #M5SDiversamenteOnesti #DiversamenteOnesti


M5s, la base licenzia il capogruppo Vertici contestati per i Tfr incassati
ilgazzettino.it
VENEZIA – Immaginatevi un’assemblea di 150 persone. Ma sì chiamiamola così, del resto 150 fra attivisti e amministratori regolarmente eletti dai cittadini, non s’incontrano…
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 08 set 2016

CONCORDO: VIA LA UE , RITORNARE ALLA CEE.

“L’Europa si può salvare l’Unione invece no: sennò affonda l’Italia”
http://www.ilgiornale.it/news/politica/leuropa-si-pu-salvare-lunione-invece-no-senn-affonda-litalia-1303875.html?mobile_detect=false
L’economista Antonio Maria Rinaldi traccia un bilancio impietoso dell’Ue: “Progetto fallito, era meglio la Cee”
Riccardo Pelliccetti – Mer, 07/09/2016 – 08:32
«È un miracolo che dopo anni di euro e Unione europea esista ancora l’Italia». Il professor Antonio Maria Rinaldi, economista e docente di Economia internazionale all’Università Chieti-Pescara, con una semplice battuta sintetizza la situazione che è sotto gli occhi di tutti.
Professor Rinaldi, dopo il vertice Renzi-Merkel-Hollande, siamo al punto di partenza. Nessun impegno, solo buone intenzioni e una Ue che poi si presenta al G20 come un nano.

«Un’Europa che non conta nulla con un’Italia che conta ancora meno nell’Europa, siamo comparse. L’Unione europea è un esperimento fallito perché si è voluto affidare all’euro l’azione di aggregazione, producendo dei danni gravissimi che rischiano di essere irreversibili. Non si può affidare esclusivamente a una banca centrale l’onere di sostenere la mancanza di politica estera, economica, di immigrazione comuni, l’onere di tenere coesi i paesi dell’Ue».

Lei ha detto che gli accordi di Maastricht non avrebbero consentito né all’Ue né all’euro di funzionare. Un epilogo già scritto?

«Era già previsto. La trasformazione da Cee in Unione europea è stata una forzatura politica voluta essenzialmente dai francesi con il consenso tedesco per permettere la riunificazione della Germania. Il fatto di trovare degli accordi più stretti con la Germania significava mettere sotto tutela l’esuberanza tedesca. Questo però non avvenuto. Gli accordi sono stati fatti in fretta e si è pensato alla moneta come fattore aggregante, ma l’euro doveva essere il complemento finale all’integrazione europea».

Quindi un’Unione che di fatto non esiste?

«Parliamo di mercato unico quando a distanza di 26 anni non abbiamo ancora uniformato le aliquote Iva nell’ambito dello stesso mercato? Se avessero davvero voluto un mercato unico, con una moneta unica, la prima cosa sarebbe stata quella di uniformare le aliquote. L’Unione non è solo è un esperimento fallito, quello che è più grave e che per tentare di continuare l’esperimento stanno sottraendo la democrazia ai paesi europei. La più grande conquista del genere umano è che la sovranità appartiene al popolo e non a queste oligarchie non elette».

Ma si può ancora salvare l’Europa?

«Se l’Europa si vuole salvare, non l’Ue, non quella di Maastricht, bisogna smantellare questa Unione e fare degli accordi di collaborazione fra tutti i Paesi, come la vecchia Cee, dove ciascuno ha la propria autonomia e soprattutto la propria politica economica».

L’Italia supplica flessibilità, ma anche ottenendola non facciamo altro che aumentare la spesa.

«Diciamolo chiaro e tondo. Il problema non è che il nostro debito sia elevato, ma che sia in valuta estera, cioè in euro, moneta che noi non governiamo e che ci impedisce di esprimere la nostra politica economica, che come sappiamo è dettata da Bruxelles. I parlamenti nazionali sono estraniati da qualsiasi potere decisionale. L’80% del loro lavoro è il recepimento delle normative europee».

L’uscita di Londra ha minato le poche certezze di Bruxelles. È il primo passo della caduta dell’Unione?

«È il primo passo della caduta. Il rapporto degli inglesi con l’Ue è sempre stato particolare, esercitarono la loro opting out al momento della moneta unica, perché sapevano che con quei vincoli la trazione sarebbe stata solo tedesca. Londra sa benissimo che senza sovranità monetaria non si può avere una politica economica autonoma. Quindi hanno fatto benissimo a uscire dall’Ue. Altri Paesi la seguiranno. Bruxelles dovrà fare i conti con questa situazione. Se continueranno su questa linea allora dovranno togliere completamente il potere ai cittadini. Se desideriamo diventare il 17esimo land tedesco, accomodiamoci pure».

#Italia #UE #Eu #Europa #UnioneEuropea #UnioneSovieticaEuropea #CEE #Economia #Maastricht #Euro #AntonioMariaRinaldi #Rinaldi 
Foto del profilo di Luca ViolaFoto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Stelle In cieloFoto del profilo di Sergio DiM
4 commenti
Luca Viola
09 set 2016+

Neanche la CEE….FEDERAZIONE ITALIANA TIPO SVIZZERO CON FISCALITA’ PROGRESSIVA AL TASSO DEL 10% SUL LORDO…..
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

SOLIDARIETà ALLE FORZE DELL’ORDINE, schiacciati tra due giganti: l’Amore per la Patria e per la Famiglia, e l’obbedienza anche ad un governo inetto e massacratore di italiani come il Renzi Letta Monti.
#StopInvasione
all’articolo:
http://www.mistocolvitto.it/2016/09/07/il-coraggio-di-un-poliziotto-dire-la-verita-su-questa-immigrazione/

“Ma i filtri sanitari sui migranti in arrivo funzionano?
Le visite mediche duravano in media 3-4 minuti a testa. Come si può pensare che si facesse un’analisi sanitaria seria e approfondita? E’ chiaro che si vedono solo le cose più evidenti, ma delle malattie in incubazione non te ne potevi accorgere. Ora hanno aumentato un po’ la durata delle visite ma il discorso cambia poco.
E il filtro per la sicurezza?
Nel 2014 sono sbarcate 170 mila persone e 100 mila sono sparite nel nulla. L’80% circa di queste persone non è nemmeno stato fotosegnalato. Non sappiamo chi sono e quali sono le loro intenzioni. Esiste un serio pericolo terrorismo, anche dalla Francia hanno lanciato l’allarme. Il problema è con quei numeri di arrivi è impossibile fotosegnalare tutti. Ora il trattato di Dublino imporrà la fotosegnalazione obbligatoria, con conseguenze incredibili dal punto di vista dei tempi e dei costi, che rischiano di espandersi a dismisura.
Quanto sono adeguate le politiche comunitarie?
In realtà Mare Nostrum e Triton hanno creato e stanno creando delle conseguenze negative. Con Mare Nostrum si andavano a prendere i migranti a 10 miglia dalle coste libiche (vale a dire 16 chilometri). Ora con Triton le miglia dovrebbero diventare 30. Il problema è che come ho sentito con le mie orecchie prima di questi progetti un migrante pagava 4-5 mila euro per il viaggio verso l’Italia, ora ne paga 700-800 perché ovviamente i rischi, sempre altissimi, sono diminuiti.”

#Italia #StopInvasione #immigrazione #immigrati #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam
Condiviso inizialmente da vittorio bonfante:

Immigrati, il poliziotto Daniele Contucci racconta tutta la verità. Daniele Contucci, assistente capo della Polizia di Stato in forza presso la Direzione centrale immigrazione e Polizia delle Frontiere, ora dirigente sindacale Consap, racconta la sua…
IL CORAGGIO DI UN POLIZIOTTO, DIRE LA VERITA’ SU QUESTA IMMIGRAZIONE. | Mistocolvitto.it
mistocolvitto.it
Immigrati, il poliziotto Daniele Contucci racconta tutta la verità. Daniele Contucci, assistente capo della Polizia di Stato in forza presso la Direzione
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Sergio MaGiFoto del profilo di Roberto Scanga
3 commenti
Roberto Scanga
08 set 2016+

Complimenti al poliziotto D. Contucci che ha contribuito a dire la verità. 
Aggiungi un commento…
ITALIA Politica Economia Immigrazione
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

BRUTTE PERSONE:
Migrante rifiuta panino e lo scaglia sulla donna
Un immigrato a Reggio Calabria chiedeva l’elemosina, ma ha rifiutato un panino da una donna e lo ha buttato contro la donna. Infine ha iniziato ad urlare, lamentandosi del cibo che gli danno gli italiani.
Poi il profugo si è lamentato del cibo italiano.
E allora state a casa vostra! Ci vuole una gran retata ed espulsioni di massa, accompagnandoli fuori dalle nostre frontiere, da dove sono venuti, in Libia.
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/migrante-rifiuta-panino-e-scaglia-sulla-donna-1304166.html

#Italia #ReggioCalabria #Calabria #immigrazione #immigrati #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori
Migrante rifiuta panino e lo scaglia sulla donna
il Giornale
Un immigrato a Reggio Calabria chiedeva l’elemosina, ma ha rifiutato un panino da una donna. Poi il profugo si è lamentato del cibo italiano
Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Elisa De FilippiFoto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Sergio DiM
11 commenti
Elisa De Filippi
08 set 2016+

Oramai lo sanno che qua non si arrabbia nessuno .Mica sono scemi .Ma fuori dalle balle sti fetentoni. Elisa
Aggiungi un commento…
WhatsApp Friends Italia
giubra63
– 07 set 2016

La Fine!
giubra63 ha originariamente condiviso l’elemento in SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S:

A ROMA L’INIZIO DELLA FINE PER IL M5S:
#Raggi_rati poveri grillini con Di Maio: giggino ‘o ripetente #Gigginooripetent

La telefonata tra Di Maio e Raggi
La telefonata risale a lunedì notte, poco dopo che il sindaco Raggi e l’assessore Muraro erano state ascoltate dalla Commissione Ecomafie. In quell’occasione Muraro e Raggi sono state costrette ad ammettere di essere a conoscenza dell’indagine dal 18 luglio. Cosa che invece avevano negato più e più volte in diverse interviste. Dall’altro lato della cornetta c’è Luigi Di Maio. Anche da tempo al corrente di tutto.

“Andare a deporre in Commissione è stato un suicidio”, dice Fulgione. Anche la Raggi è d’accrdo, ma non poteva fare altrimenti. A preoccupare il sindaco ora è la situazione in giunta, con Ama (azienda rifiuti) senza un capo. “La situazione è terribile”, dice la Raggi. “Dobbiamo capire per cosa è indagata (la Muraro, Ndr) sinceramente può essere una bolla di sapone. Quando abbiamo fatto la riunione con il mini-direttoro abbiamo detto: capiamo almeno di cosa stanno parlando”. A quanto pare la Raggi non vuole indietreggiare sulla Muraro. Chiede a Di Maio di attendere almeno l’avviso di garanzia, anche se il M5S si è distinto negli anni per chiedere, al grido “onestà, onestà”, le dimissioni di chiunque fosse finito nel mirino del pm.

Fulgione infatti interviene: “Lei ha fatto una cazzata a dire di non essere indagata”. “L’avviso di garanzia è una cosa precisa – ribatte la Raggi – che ti permette di circostanziare. Può essere il nulla”.

Poi la discussione si sposta sulla famosa mail che la Taverna ha scritto a Luigi Di Maio per informarlo dell’indagine, anche se il vicepresidente della Camera fino a ieri negava di averla ricevuta. “Questa sera Stefano (Vignaroli, deputato M5S, Ndr) ha detto che si ricorda che Paola (Taverna) ti ha scritto”, dice la Raggi. “Chi sa della mail? – chiede Fulgione – Non possiamo rivelare la questione della mail”. La risposta di Di Maio non è stata riportata dal cronista del Fatto Quotidiano perché non ha potuto ascoltarle. “No abbiamo nessuna protezione – spiega la Raggi – Minenna (ex assessore al Bilancio, dimissionario) era presente quando abbiamo fatto la riunione…continuiamo a sostenere quanto ho sostenuto, cioè che dobbimo vedere prima le carte. prendiamo il tempo necessario. E mettiamo un’altra testa in Ama”.
La preoccupazione della Raggi infatti è quella di non saper mettere le mani sulla questione rifiuti. Si fida della Muraro, ma senza di lei è senza armi. Il sindaco confida addirittura a Di Maio: “Non so che fare”. Tanto da pregare il membro del direttorio nazionale: “Datemi qualcuno Luigi, siamo senza Ama e senza assessore. Io un’altra così non la trovo. O mi dite cosa fare o andiamo a casa”. Poi conclude: “Così noi andiamo a casa. Lei (Muraro, Ndr) è l’unica che sa come funzionano queste cose”.
Il sindaco sa che “se facciamo un passo indietro affondiamo” e si sente in un vicolo cieco.
http://www.ilgiornale.it/news/politica/telefonta-raggi-maio-non-so-che-fare-si-va-casa-1304148.html

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco #LuigiDiMaio #Luigi_Di_Maio #Gigginooripetent
Quella telefonata Raggi-Di Maio: “Non so che fare: si va a casa”
il Giornale
In una cena con Teodoro Fulgione, il portavoce della Raggi, il sindaco parla al telefono con Luigi Di Maio: “Sui rifiuti non so che fare”
1 commento sul post originale
Foto del profilo di giannino serra
giannino serra
07 set 2016+
…di fatto sono due mesi che hanno in mano l’amministrazione capitolina e non è stato deliberato nulla, anzi non è stata presentata neppure una Giunta per poter deliberare qualche provvedimento urgente…questa situazione ristagnante sembra simile al tentativo di Bersani di fare un Governo per il Paese. Egli, con volonta ceca e ostinata, trattenne inutilmente bloccato il Paese per due mesi, prima di accettare la realtà dei fatti, che non sarebbe riuscito ad adempiere il suo incarico…. 
WhatsApp Friends Italia
giubra63
– 07 set 2016

Minacce che inguaiano Virginia Raggi, Luigi Di Maio o tutti i grillini romani???
Siamo alla fine!
giubra63 ha originariamente condiviso l’elemento in SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S:

SIAMO ALLE MINACCE O ALLA RIVELAZIONE DELLA VERITà, OVVERO L’IMBROGLIO GRILLINO? C’entrano i #Giammarco o i #Casaleggio o i #Sassoon ?
#Raggi_rati poveri grillini

La minaccia di Marra: ​”Prima o poi parlerò”
L’avvertimento del vice capo di gabinetto del Campidoglio
Luca Romano – Mar, 06/09/2016 – 23:41
“Prima o poi parlerò anch’io”. Lo ha detto il vice capo di gabinetto del Campidoglio, Raffaele Marra, lasciando palazzo senatorio.
Il direttorio M5s avrebbe chiesto un suo passo indietro e, interpellato sul punto, Marra ha risposto: “Non so nulla, chiederò a loro”.
Il vicecapo di gabinetto del Campidoglio, Raffaele Marra, potrebbe essere spostato ad altro incarico, mentre il ruolo di Salvatore Romeo, capo segreteria del sindaco Virginia Raggi, dovrebbe essere ridimensionato con conseguente taglio di compenso. Questa, a quanto si apprende, la linea che intenderebbe seguire la prima cittadina a seguito della riunione fiume del direttorio M5S a Montecitorio.
http://www.ilgiornale.it/news/politica/minaccia-marra-o-poi-parler-1303856.html

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco 
La minaccia di Marra: ​”Prima o poi parlerò”
il Giornale
L’avvertimento del vice capo di gabinetto del Campidoglio
3 commenti sul post originale
SINISTRA MONDIALISTA GRILLINI M5S
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

A ROMA L’INIZIO DELLA FINE PER IL M5S:
#Raggi_rati poveri grillini con Di Maio: giggino ‘o ripetente #Gigginooripetent

La telefonata tra Di Maio e Raggi
La telefonata risale a lunedì notte, poco dopo che il sindaco Raggi e l’assessore Muraro erano state ascoltate dalla Commissione Ecomafie. In quell’occasione Muraro e Raggi sono state costrette ad ammettere di essere a conoscenza dell’indagine dal 18 luglio. Cosa che invece avevano negato più e più volte in diverse interviste. Dall’altro lato della cornetta c’è Luigi Di Maio. Anche da tempo al corrente di tutto.

“Andare a deporre in Commissione è stato un suicidio”, dice Fulgione. Anche la Raggi è d’accrdo, ma non poteva fare altrimenti. A preoccupare il sindaco ora è la situazione in giunta, con Ama (azienda rifiuti) senza un capo. “La situazione è terribile”, dice la Raggi. “Dobbiamo capire per cosa è indagata (la Muraro, Ndr) sinceramente può essere una bolla di sapone. Quando abbiamo fatto la riunione con il mini-direttoro abbiamo detto: capiamo almeno di cosa stanno parlando”. A quanto pare la Raggi non vuole indietreggiare sulla Muraro. Chiede a Di Maio di attendere almeno l’avviso di garanzia, anche se il M5S si è distinto negli anni per chiedere, al grido “onestà, onestà”, le dimissioni di chiunque fosse finito nel mirino del pm.

Fulgione infatti interviene: “Lei ha fatto una cazzata a dire di non essere indagata”. “L’avviso di garanzia è una cosa precisa – ribatte la Raggi – che ti permette di circostanziare. Può essere il nulla”.

Poi la discussione si sposta sulla famosa mail che la Taverna ha scritto a Luigi Di Maio per informarlo dell’indagine, anche se il vicepresidente della Camera fino a ieri negava di averla ricevuta. “Questa sera Stefano (Vignaroli, deputato M5S, Ndr) ha detto che si ricorda che Paola (Taverna) ti ha scritto”, dice la Raggi. “Chi sa della mail? – chiede Fulgione – Non possiamo rivelare la questione della mail”. La risposta di Di Maio non è stata riportata dal cronista del Fatto Quotidiano perché non ha potuto ascoltarle. “No abbiamo nessuna protezione – spiega la Raggi – Minenna (ex assessore al Bilancio, dimissionario) era presente quando abbiamo fatto la riunione…continuiamo a sostenere quanto ho sostenuto, cioè che dobbimo vedere prima le carte. prendiamo il tempo necessario. E mettiamo un’altra testa in Ama”.
La preoccupazione della Raggi infatti è quella di non saper mettere le mani sulla questione rifiuti. Si fida della Muraro, ma senza di lei è senza armi. Il sindaco confida addirittura a Di Maio: “Non so che fare”. Tanto da pregare il membro del direttorio nazionale: “Datemi qualcuno Luigi, siamo senza Ama e senza assessore. Io un’altra così non la trovo. O mi dite cosa fare o andiamo a casa”. Poi conclude: “Così noi andiamo a casa. Lei (Muraro, Ndr) è l’unica che sa come funzionano queste cose”.
Il sindaco sa che “se facciamo un passo indietro affondiamo” e si sente in un vicolo cieco.
http://www.ilgiornale.it/news/politica/telefonta-raggi-maio-non-so-che-fare-si-va-casa-1304148.html

#Italia #Roma #M5S #grillini #sinistra #sinistramondialista #M5Sdiversamenteonesti #diversamenteonesti #noleggiosalvagenti #PaolaMuraro #Muraro #VirginiaRaggi #Raggi #RaffaeleMarra #Marra #SalvatoreRomeo #Romeo #Sassoon #EnricoSassoon #DavideCasaleggio #Casaleggio #Giammarco #LuigiDiMaio #Luigi_Di_Maio #Gigginooripetent
Quella telefonata Raggi-Di Maio: “Non so che fare: si va a casa”
il Giornale
In una cena con Teodoro Fulgione, il portavoce della Raggi, il sindaco parla al telefono con Luigi Di Maio: “Sui rifiuti non so che fare”
Foto del profilo di giubra63
giubra63
07 set 2016

da leggere anche: https://plus.google.com/111270859164215141850/posts/6tRo1bxFPtH
Aggiungi un commento…
UNIONE EUROPEA
giubra63
Condivisione pubblica – 07 set 2016

L’EUROPA SOTTO ATTACCO DA PARTE DELL’ISLAM: e i governi latitano, o sono collusi!

#Europa #Francia #maomettani #JacquesHamel #padreJacquesHamel #padreJacques #Hamel #Rouen #Normandia #SaintEtienneduRouvray #ChiesaCristianaCattolica #ChiesaCattolica #cattolici #cristiani #Jihad #immigrazione #immigrati #meticciato #multiculturalismo #migranti #immigrati #UE #EU #UnioneEuropea #Eurabia #Europa #islamici #musulmani #profughi #fintiprofughi #rifugiati #fintirifugiati #migranti #immigrati #clandestini #invasione #invasori #Islam #Corano #Sharia #Islam
France church attack : Catholic priest, has throat slit by islamic knifemen – YouTube
Foto del profilo di Sergio DiMFoto del profilo di Egidio Dellacroce
Aggiungi un commento…
CHIESA CRISTIANA CATTOLICA
giubra63
Condivisione pubblica – 06 set 2016

LA VERGOGNA DEI PRETI ROSSI:
Don Gallo,
Don Andrea Gallo (Campo Ligure, 18 luglio 1928 – Genova, 22 maggio 2013) è stato un presbitero e partigiano italiano, di fede cattolica e ideali comunisti, anarco-cristiani e pacifisti, prete (?) di strada fondatore e animatore della Comunità di San Benedetto al Porto di Genova.
Dai cortei con i centri sociali alle crociate antiproibizioniste, il cappellano dell’ultrasinistra amato anche dai salotti radical chic.
Cercando in archivio fotografie di don Gallo, ce ne sono centinaia in cui saluta pubblici con il pugno chiuso, sventola bandiere rosse, guida manifestazioni di centri sociali, fa il capopolo di popoli della Fiom, incorona politici di tutti i partiti.
Purché, ovviamente, quei partiti siano di sinistra, meglio se con falci e martelli assortiti nel simbolo.
http://www.ilgiornale.it/news/interni/muore-don-gallo-prete-rosso-scambi-chiesa-piazza-919934.html

#DonGallo #Don_Gallo #DonAndreaGallo #Don_Andrea_Gallo #ChiesaCattolica #ChiesaCristianaCattolica #pretirossi #preti #comunisti #anarchici #marxisti #sinistra #sinistramondialista
Condiviso inizialmente da Francesco F:

#dongallo #bibbia #vangelo #comunismo #aborto #marx #omosessuali
10 commenti sul post originale
Foto del profilo di Gisella D (Gi)Foto del profilo di giubra63Foto del profilo di Roberto ScangaFoto del profilo di Sergio DiM
4 commenti
giubra63
07 set 2016+

+Roberto Scanga come prete doveva perdonare, ma senza tanti proclami e senza tanto dichiararsi comunista e anarchico (che sono in antitesi)

=================

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio ] [ Mosca deride i diktat dell’Ucraina sulle elezioni per la Duma
in CRIMEA ] [ Sharia Dhimmi che bello Schiavo AKBAR che tu sei ] Biden e NATO hanno detto a Poroshenko, in più occasioni, che, la Crimea ritornerà in UCRAINA. Quindi Merkel si è comprato un elmetto! Su cosa poi, vogliono fare i popoli? per i sacerdoti Farisei di Satana è un dettaglio secondario nel regime massonico Bildenberg Trilaterale

Tiresia Branding
sto giro poroscemo sta giocando col fuoco, anche se voglio sperare abbia voluto solo fare il solito esercizio demagogico di propaganda. Far votare i cittadini all’estero non è una concessione, ma un obbligo che deve essere rispettato e garantito in base alle leggi internazionali. Se vuole fornire la perfetta giustificazione ad una reazione violenta questa è l’occasione giusta

===================

…and with your feet fitted with the readiness that comes from the gospel of peace. (Ephesians 6:15) THE SANDALS OF PEACE The cry for peace is as old as the dawn of history and as fresh as the morning newspaper. Several centuries before Christ, the prophet Isaiah said, “How beautiful on the mountains are the feet of those who bring good news, who proclaim peace….” (Isaiah 52:7) When the Hebrew prophets foretold the coming of a divine deliverer, they said one of his names would be “Prince of Peace.” When the Saviour was born, the note struck by the angelic chorus in the nativity story of the shepherds was “…and on earth peace to men on whom his favour rests.” (Luke 2:14) Therefore, it is not surprising that when describing the armour of God, Paul included the element of peace. As God’s peacemakers, our sandals enable us to march into circumstances to bring peace, not destruction. Christ calls people who have made their peace with God to fight for fellowship, not against it (Hebrews 12:2-3). So we must be ready to go where God sends us with the message of peace, forgiveness and hope. We may be called to march right to the gates of hell—which He promised would not hold us back (Matthew 16:18). It is in this sense that we can be considered “waging” peace.
Your life thus centres on the good news of the kingdom. Everything else comes second. Know how to share the good news. Understand what it has done in your life. See how it can help others. Ask God to give you opportunities to share with others. Be alert for the opportunities. Be prepared to take advantage of them…standing strong in your sandals of peace.
Brother Alagaw in Ethiopia started an aggressive gospel ministry in his region. People accepted the Lord through his preaching. The people of the traditional church colluded with the Muslim fundamentalists to fight Alagaw and his followers. They said, “These people will destroy our country, nation and religions if we do not stop them immediately.”
Alagaw and his followers organised their first evangelistic meeting at the local stadium. They hired sound systems for this big occasion. Early in the morning they started with their outreach. At about 10:00 a.m. a big crowd approached the stadium. Without saying a word, they destroyed the sound system and a lot of other property. Some believers went to the local police station, but the police refused to help. During the attack, a pregnant woman lost her baby.
After this incident other forms of harassment followed. During church services stones were thrown on the roof of the church building. Faceless people burned down their church building. However, the Lord has blessed their ministry and their peaceful responses with one hundred and twenty new believers. RESPONSE:
Today I put on the sandals of peace and stand firm in the good news of the Gospel.
PRAYER: Lord, may Your peace shine through me today and be a light to all I encounter.

====================

14:33 +Unius kingREI​​​​​​ non ti sembrano incarnare lo spirito demoniaco femminile fallico (citato nella bibbia) di jezabel? Guarda questo video qui, è eloquente. C’è il simbolo occulto dell’Ouroboros, il serpente che si morde la coda, il 666 che rappresenta il MATERialismo, c’è la cantante che ‘allatta’ due uomini con il suo latte mortifero per plasmarli e assuefarli al piacere e al godimento illimitato incestuoso edipico del materno(il materialismo è questo) tiene soggiogati gli uomini con la seduzione e facendo leva sulle debolezze del maschile.
Praticamente è quello che sta avvenendo a livello collettivo, dato che liberalizzano la sessualità e perversioni varie, in cambio di schiavitù.
Unius kingREI
18:46 +Mara Pontello ] Praticamente è quello che sta avvenendo a livello collettivo, dato che liberalizzano la sessualità e perversioni varie, in cambio di schiavitù. INFATTI,
il NWO quando in internet vuole contrastare un video che è critico per il sistema massonico, poi, lo Circondano di volgarità sessuale.. quindi soltanto quelli che sono liberi dai peccati capitali riusciranno a giungere al linguaggio della liberazione politica, dalla schiavitù assoggettamento SIGNORAGGIO BANCARIO che è satanismo ideologico e pratico!
===================

Mara Pontello 14:59 ] [ Paradossalmente la Verità attira molto odio da parte dei ‘profani’, come lo avevano i Farisei, accecati DALL’ orgoglio, nei confronti di Gesù, sai…coloro che vivono nella dimensione dell’ ego, della realtà apparente, come se tutto ciò che accade avvenisse per caso. (E te credo che lo odiavano Gesù, ha smontato tutte loro illusioni e manie di grandezza). Manca totalmente il piano verticale che lega a Dio, al Padre e al quale io sono particolarmente legata, ma qui Dio ormai non conta nulla, quindi ovvio che io vada in esilio, dato che ho sempre scelto la Verità alle false lusinghe del mondo che bestemmia e pagliacciate varie. Sto praticamente in culo a tutti. Ma è più forte di me. Se no a quest’ora sarei anch’io una Jezabel demoniaca.
Come diceva Y.A.Brault
“E’ meglio essere divisi per la Verità ,che uniti nella menzogna,
è meglio dire la Verità che fa male ma poi guarisce, che la menzogna che conforta e poi uccide,
è meglio essere odiati per aver detto la Verità, che essere amati per aver raccontato menzogne.
E’ meglio stare soli con la Verità, piuttosto che sbagliare per stare con la moltitudine”.

Madama Lucrezia
15:31+ +Mara Pontello credo che abbiamo parlato della stessa cosa … quando dico che la Donna ha gia’ uno dei privilegi piu’ grandi anzi, IL Privilegio mi riferisco alla sua natura di beth appunto di uovo contenitore portatrice ecc appunto il femminile non il femminista
la liberta’ delle donne e’ un danno tanto quanto quella degli uomini quando esce dai confini stabiliti.
mi permetto di essere in accordo con tutto ciò che hai risposto fin qui tranne con la ultima frase “e’ meglio star soli con la Verita’ che sbagliare per stare con la moltitudine”
chi detiene la verita’ proprio in mezzo alla moltitudine dovrebbe stare per diffonderla
http://www.interviewmagazine.com/music/exclusive-video-premiere-pleasure-drive-the-jezabels/#_
ho visto il video di the jezabels pleasure drive e ti dico di leggere questa intervista alla vocalist del gruppo in realta’ in modo enfatico sta dicendo in quel video una cosa: parla di forze primordiali che non possono essere trascese appunto ti dicevo nel mio primo commento che l’ essenziale e’ l’ equilibrio nessuna delle due parti dovrebbe sopravanzare l’ altra un eccesso di “umori” da ambo le parti e’ uno squilibrio gravissimo, nel modo peggiore e piu’ stupido viene detto questo nel video, seguendo una moda che evoca cio che dovrebbe rimanere altrove ma e’ innegabilmente una verita’ anche questa: la forza oscura e distruttrice del femminile che andrebbe invece “riportata” alla Luce … non e’ un caso che le antiche dee dell amore lo fossero anche della guerra forse

Mara Pontello
17:40+ +Madama Lucrezia​​ ​​ ma infatti la dea KALI la divinità indù rappresenta la madre oscura che nella nostra cultura è demonizzata, perché è distruttrice e ha un’ azione devastante ma è una sorta di purificazione, perché porta via le illusioni che ci incatenano alla materia. Non a caso anche nella tradizione indù si parla del Kali yuga, come l’ epoca di maggior decadenza e declino spirituale. Oltre a Kali, molto presente anche nei video musicali di Hollywood, c’è Shiva raffigurato anche al CERN di Ginevra. Sono tutte forze infere distruttive.

http://altrarealta.blogspot.it/2014/03/vivere-in-un-epoca-di-decadenza-kali.html
http://www.riflessioni.it/cultura-vedica/kali-yuga.htm

Mara Pontello
17:54+ “La sanità (interiore) e la legge (conforme alla propria natura) diminuiranno di giorno in giorno finché il mondo sarà completamente pervertito. Solo gli averi conferiranno il rango. Solo movente della devozione sarà la preoccupazione per la salute fisica, solo legame fra i sessi sarà il piacere, sola via al successo nelle competizioni sarà la frode. La terra sarà venerata solo per i suoi tesori minerali” “La debolezza sarà la sola causa dell’obbedire”

Madama Lucrezia
17:59+ +Mara Pontello vorrei prendermi il tempo di leggere tutto con calma su molti punti concordo su altri dissento .. su Jezabel ad esempio…
concordo sulla debolezza che porta all’ obbedienza ovvio a quella fittizia per OBBEDIRE ci vuole Forza 

Mara Pontello
18:08 Ovviamente chi è pieno di amor proprio, scatenerà forze demoniache verso chi dice la Verità, anziché inginocchiarsi umilmente davanti a Dio: “Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto”.. Quanto è vero
È ovvio, se al primo posto ci fosse la Verità, verrebbero alla luce tutte quelle dinamiche manipolative e di potere dei genitori, che hanno per primi disobbedito a Dio e si ritroverebbero esautorati. E pensare che nella Bibbia i genitori per Dio avrebbero sgozzato un figlio pur di rispettare la sua volontà… Adesso il mondo è alla rovescia, idolatrano i figli come delle divinità e disprezzano Dio.
Mara Pontello
18:16+ +Madama Lucrezia​​ perché io ho una visione religiosa del momento che stiamo vivendo, per me la Bibbia è una bussola e faccio riferimento a quella che è sacra. Jezabel è all’ opera più che mai.

========================

Unius kingREI 19:08 +Madama Lucrezia ] [ tante coppie oggi sono smarrite perché non riescono più a comprendere il modello biblico del matrimonio. E CI SONO TANTI MODI PER SMARRIRSI ANCHE IN MODALITÀ NON OPPOSITIVA. Nella coppia si amano, tra di loro, ma ritenendo che la libertà sessuale della donna, sia un diritto intrinseco alla persona, poi, per loro è normale condividere la loro sessualità anche al di fuori della coppia o con tacito accordo detto o non detto ma sempre consapevole! IN QUESTO MODO L’ADULTERIO DIVENTA UNA CONSUETUDINE IN CUI NON C’È NIENTE DI MALE!

=============================
Sexodus dall’ ideologia femminista al gender
Appare evidente l’artificiosità del movimento femminista, con cui l’ingegneria sociale cerca di sabotare il naturale rapporto tra i due generi sess…

SEXODUS

================

Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR ] [ tutto in ISRAELE sembra funzionare bene, meglio, più che altrove anche la politica! perché? TEL AVIV, 11 SET – L’anti Netanyahu potrebbe essere Yair Lapid, leader centrista all’opposizione, ex giornalista, ministro nel precedente governo del premier, ora dato per vincente in due recenti sondaggi elettorali. Se oggi si tenessero le elezioni – ha rivelato una ricerca diffusa su Canale 1 – Lapid e il suo partito (‘C’è Futuro’) otterrebbero 27 seggi in Parlamento contro i 23 del Likud di Netanyahu che ne ha avuti 30 nel passato voto. Una vittoria in parte a spese dei laburisti di Isaac Herzog che, secondo il sondaggio, passerebbero da 24 a 11. La scorsa settimana, un’altra ricerca ha indicato che il partito di Lapid è ora, per la prima volta, la maggiore formazione politica in Israele: in nuove elezioni riceverebbe 24 seggi mentre il Likud, perdendo un quarto dei suoi votanti, scenderebbe a 22. Anche in questo caso il sondaggio indica i laburisti al palo con 13 seggi. In entrambi i casi i voti persi del Likud passerebbero agli altri partiti di destra. Se così fosse per Lapid sarebbe complicato diventare premier
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2016/09/11/israele-e-yair-lapid-lanti-netanyahu_6b46cae4-90e1-4446-813b-8c79500f162d.html

seigniorage

Informazioni su lorenzoJHWH Unius REI

drink your POISON, made by yourself, amen ] C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce, N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux
Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane
S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas, Ciò che mi offri è cattivo
I.V. B. Ipsa Venena Bibas Bevi tu stesso i tuoi veleni ESORCISMO : (Al segno + ci si fa il segno della croce) + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

Precedente va in frantumi sfera cristallo Successivo Satana Allah sharia SpA FED JabullOn Marduk NWO

Lascia un commento