uccidete il boia dei cristiani

im Yitzhak Kaduri’s Messiah 15:08 19.12.2017 | Ecco perché oggi Israele può essere soltanto una truffa della Bibbia, perché non potrebbero mai Farisei Talmud e massoni e satanisti fondare lo Stato biblico di Israele!

sono soltanto i DEMPO PLUTO GIUDAICO MASSONE i veri responsabili del sorgere di Nazismo e Fascismo e i veri responsabili delle leggi raziale, quando la finanza SpA FED FMI BCE BM NWO Bilderberg stritola e devitaliza i popoli, poi, lascia dietro di se soltanto i cadaveri!

gli ebrei in genere sono bravi a fare le vittime, ma, certo loro non denunceranno mai il satanismo del Signoraggio bancario!

adam smulevich @asmulevichmoked

La posizione della Presidente UCEI: “Vittorio Emanuele III e le Leggi Razziste, vergogna incancellabile” moked.it

twitter.com/asmulevichmoked/status/942426326035820550/photo/1

https://it.sputniknews.com/mondo/201712195418331-Palestina-Assemblea-genearle-onu/

================

La divinità di Gesù profetizzata dal Sommo Sacerdote Anna: “meglio che la colpa cada contro uno soltanto che non contro tutto il ppolo!”

Pilato, quindi, non solo avrebbe sancito con un atto legale – qual è una sentenza – la regalità di Cristo, ma ne avrebbe certificato pure la divinità. Questo ovviamente con il chiaro intento di recare offesa alla classe sacerdotale giudaica, che aveva voluto accampare contro Gesù di Nazaret pretestuose ragioni giuridiche. Agli occhi del sommo sacerdote, perciò, quella scritta dovette essere scandalosa, non per la regalità che vi era affermata, ma per la divinità sancita a favore di quell’Uomo appeso alla Croce. Per questo, Caifa suggerì a Pilato di aggiungere un “Io sono ….”, in modo da trasformare – nella lingua ebraica – quella scritta in un’affermazione blasfema e, quindi, rendere degno della pena di morte quel Condannato, almeno dal punto di vista della religione giudaica. Tra l’altro è singolare che proprio su quella scritta abbia appuntato la sua attenzione il teologo e storico ebreo Shalom Ben-Chorin, il quale, per primo, ha rivelato la ragione della protesta gudaica a Pilato per quella iscrizione. Giovanni. Cap 19 Or Pilato fece anche un’iscrizione e la pose sulla croce ; e vi era scritto “GESU’ NAZARENO, IL RE DEI GIUDEI”. Così molti dei giudei lessero questa iscrizione, perchè il luogo dove Gesù fu crocifisso era vicino alla città ; e quella era scritta in ebraico, in greco e in latino. Versetti 19-20. Ipotesi quindi accettabile. Recenti studi sulla famosa iscrizione fatta apporre da Pilato sulla sommità della Croce di Cristo, la celebre scritta Jesus nazarenus Rex Judeorum (da cui l’acronimo INRI), letta in ebraico “Jeshua Ha-Nozri WeMelech Ha-Jehudim”, porterebbe all’acronimo JHWH, cioè al nome impronunciabile di Dio. Recenti studi sulla famosa iscrizione fatta apporre da Pilato sulla sommità della Croce di Cristo, la celebre scritta Jesus nazarenus Rex Judeorum (da cui l’acronimo INRI), letta in ebraico “Jeshua Ha-Nozri WeMelech Ha-Jehudim”, porterebbe all’acronimo JHWH, cioè al nome impronunciabile di Dio. Perché ci voleva chi conoscesse bene la lingua e la mentalità giudaiche per capirlo sino in fondo …. . E’ proprio vero, più si studiano le Scritture e più emergono dettagli affascinanti …. . Bisogna considerare che il testo degli Evangelisti non è un trattato di storia. Sebbene, siano testi storici, essi si basano sui ricordi dei testimoni. Lo afferma chiaramente Luca nel Prologo al suo Vangelo. Ed è ovvio che, nel ricorso, possa sfuggire una particella di congiunzione. D’altronde basta confrontare i quattro Vangeli per vedere come il testo non sia esattamente identico in tutti, sebbene tutti concordino nella sostanza e cioè che sull’iscrizione era scritto che Gesù fosse indicato quale “Re dei giudei”. A distanza di anni dall’evento, è ovvio che i testimoni si ricordino del dato principale ed abbiano dimenticato una piccola congiunzione.

================

im Yitzhak Kaduri’s Messiah.. 19.12.2017 | uccidete Kim Jong-un il boia dei cristiani! e tutti i comunisti sono boia!

it.aleteia.org/2017/12/01/papa-francesco-genocidio-ucraino-stalin-crimini-comunismo/2

65 milioni nella Repubblica Popolare Cinese

1 milione in Vietnam

2 milioni in Corea del Nord

2 milioni in Cambogia

1 milione nei Paesi comunisti dell’Europa dell’Est

1,7 milioni in Africa

1,5 milioni in Afghanistan

150.000 in America Latina

10.000 come risultato delle azioni del movimento internazionale comunista e dei partiti comunisti non al potere.

https://it.sputniknews.com/mondo/201712175413996-Russia-Pyongyang-cooperazione-dialogo-sicurezza/

NEW YORK – Dietro al cyberattacco ‘Wannacry’, che ha paralizzato tutto il mondo lo scorso maggio, c’è la Corea del Nord: Ad accusare Pyongyang è la Casa Bianca con Thomas Bossert, consigliere di Donald Trump per la sicurezza interna e l’antiterrorismo.

In un editoriale sul Wall Street Journal, Bossert spiega che l’accusa alla Corea del Nord è basata su “prove. Non siamo gli unici a sostenere” la responsabilità di Pyongyang: “altri governi e società private sono d’accordo con noi”.

“Non lanciamo accuse alla leggera. Sono basate su prove” afferma Bossert, sottolineando che “le conseguenze e le ripercussioni di Wannacry sono andate al di là solo dell’impatto economico. Il virus ha colpito in modo particolarmente duro il sistema sanitario inglese, mettendo vite umane a rischio”.

Mentre lavoriamo per rendere internet più sicuro, continuiamo a ritenere responsabili coloro che ci fanno del male e ci minacciano, sia che agiscano da soli sia che agiscano per organizzazioni criminali o per paesi ostili”, aggiunge Bossert. “Gli hacker maligni appartengono al carcere, e i governi totali devono pagare un prezzo per le loro azioni”.

La Corea del Nord “continua a minacciare l’America, l’Europa e il resto del mondo non solo con le sue aspirazioni nucleari. Sta usando sempre più i cyberattacchi per alimentare il suo

comportamento e causare distruzioni”.

======================

Tutti gli ufficiali ucraini e russi del Centro comune per il controllo e il coordinamento del cessate il fuoco (SZKK) hanno attraversato in modo sicuro la linea di contatto, ha dichiarato a RIA Novosti il rappresentante della Repubblica popolare di Donetsk presso il SZKK, Ruslan Yakubov.

“Volevo sottolineare che il ritiro degli ufficiali russi è stato forzato, e per questo motivo molto veloce. Avrebbero dovuto restare lì per un altro mese e mezzo” ha aggiunto Yakubov.

In precedenza Mosca ha annunciato del termine dei lavori nell’ambito del SZKK e del ritiro degli ufficiali-osservatori russi dal Donbass. Nel Ministero degli esteri hanno dichiarato che Kiev ha creato una condizione moralmente e psicologicamente tesa per i militari russi che impediva di lavorare. Ad esempio agli ufficiali era ridotto l’accesso alla linea di contatto ed era vietato parlare con la popolazione locale.

Kiev ha respinto le accuse di Mosca, considerando questa azione come una “provocazione”. La parte ucraina ha detto che ritirerà anche i suoi osservatori dal suo territorio incontrollato, ma è pronta a continuare a lavorare nel SZKK, come la Repubblica popolare di Donetsk.

L’SZKK è stato formato dai funzionari dello stato maggiore di Russia e Ucraina per conto dei presidenti dei due paesi. Il centro è stato creato dopo la conclusione degli accordi di Minsk, che mirano a risolvere il conflitto nel Donbass.

========================

voi chi siete?

perché avete preso il controllo della mia mail istituzionale?

>—-Messaggio originale—-

>Da: [email protected]

>Data: 19/12/2017 11.55

>A:

>Cc:

>Ogg: hi

>

>hi aiaia iai

https://it.sputniknews.com/mondo/201712195419124-Bitcoin-valuta/

im Yitzhak Kaduri’s Messiah

15:15 19.12.2017 | voi chi siete?

perché avete preso il controllo della mia mail istituzionale?

>—-Messaggio originale—-

>Da: lorenzo.****@istruzione.it

>Data: 19/12/2017 11.55

>A:

>Cc:

>Ogg: hi

>

>hi aiaia iai https://it.sputniknews.com/mondo/201712195419124-Bitcoin-valuta/

==========

im Yitzhak Kaduri’s Messiah

15:19 19.12.2017 | il Bit Coin è una bolla finanziaria, presto crollerà tutto, e Rothschild si metterà a ridere!

perché il Bitcoin funzioni deve essere emesso dallo Stato in regime di controllo politico e sovranità monetaria!

“Non ha futuro”: co-fondatore Bitcoin.com ha venduto tutti i propri bitcoin

https://it.sputniknews.com/mondo/201712195419124-Bitcoin-valuta/

==================

I terroristi internazionali dopo le sconfitte in Siria e Iraq si stanno raggruppando e riorganizzando ai confini del Medio Oriente, riporta il direttore del FSB Aleksandr Bortnikov.

“Il centro principale della concentrazione dei guerriglieri è Afghanistan, dove ci sono già posizioni dello Stato islamico e dove gli insorti hanno la capacità di infiltrarsi nel territorio dei paesi della CSI” ha detto Bortnikov in una riunione del Consiglio dei capi di corpi di sicurezza e speciali servizi della CSI.

Secondo il capo del FSB, i militanti hanno cambiato tattica: i leader dei gruppi ordinando ai guerriglieri di passare alla “jihad autonoma”.

Bortnikov ha aggiunto che le autorità di sicurezza della CSI hanno bloccato undici canali di trasferimento di reclute che stavano per partecipare ai combattimenti dalla parte dei terroristi in Siria.

Il direttore del Servizio federale di sicurezza ha letto un saluto ad un incontro con Vladimir Putin. Secondo il presidente, la CSI è minacciata da terroristi che stanno cercando di utilizzare l’Asia centrale, il Medio Oriente e il Nord Africa come trampolino di lancio per la loro espansione. I militanti reclutano e addestrano nuovi guerriglieri col fine di destabilizzare la situazione in altri paesi.

Il capo dello stato ha rilevato la necessità di cercare “nuovi modi più efficaci per rispondere alle sfide globali”.

A dicembre, lo Stato islamico è stato sconfitto in Siria e in Iraq. I militanti stanno rafforzando le loro posizioni in Afghanistan, dove la situazione si è deteriorata a causa dell’attacco alle grandi città dei talebani. Le autorità del paese stanno combattendo con entrambe le organizzazioni.

Alla fine di novembre, l’Afghanistan stimava il numero di terroristi sul suo territorio a tre o quattromila individui.

im Yitzhak Kaduri’s Messiah

15:21 19.12.2017 | questi sono i “fratelli musulmani”gestiti dalla CIA e da OCI, shariah Lega aRABA ed ONU sena diritti umani, che ammazza soltanto Israele! Questa è una congiura mondiale!

I terroristi internazionali dopo le sconfitte in Siria e Iraq si stanno raggruppando e riorganizzando ai confini del Medio Oriente, riporta il direttore del FSB Aleksandr Bortnikov.

“Il centro principale della concentrazione dei guerriglieri è Afghanistan, dove ci sono già posizioni dello Stato islamico e dove gli insorti hanno la capacità di infiltrarsi nel territorio dei paesi della CSI” ha detto Bortnikov in una riunione del Consiglio dei capi di corpi di sicurezza e speciali servizi della CSI.

https://it.sputniknews.com/mondo/201712195418580-FSB-siria-iraq/

==================

sono soltanto i DEMPO PLUTO GIUDAICO MASSONE i veri responsabili del sorgere di Nazismo e Fascismo e i veri responsabili delle leggi raziale, quando la finanza SpA FED FMI BCE BM NWO Bilderberg stritola e devitaliza i popoli, poi, lascia dietro di se soltanto i cadaveri!

adam smulevich @asmulevichmoked La posizione della Presidente UCEI: “Vittorio Emanuele III e le Leggi Razziste, vergogna incancellabile” http://moked.it/

https://twitter.com/asmulevichmoked/status/942426326035820550/photo/1

17 dicembre 2017 – 29 Kislev 5778

migliaia di persone oggi in piazza contro i licenziamenti annunciati

Teva taglia, ma i lavoratori non ci stanno
Un colosso farmaceutico in crisi

Era una delle storie di successo dell’economia israeliana, poi la Teva, il gigante della farmaceutica, ha iniziato a perdere terreno. Diversi i campanelli d’allarme suonati nel corso del tempo con licenziamenti progressivi di personale, fino all’annuncio di giovedì scorso: un taglio molto più significativo, 14000 posti in tutto il mondo, 1700 in Israele dove l’azienda è uno dei principali datori di lavoro del settore privato. La ristrutturazione annunciata ridimensionerebbe di molto questo ruolo mettendo in difficoltà migliaia di famiglie. “Chiudere Teva è un attacco allo Stato d’Israele”, si leggeva sui cartelli delle diverse manifestazioni organizzate dai lavoratori e dal sindacato dell’Histadrut, con la partecipazione di decine di migliaia di persone. Uffici e stabilimenti in tutto il paese sono rimasti chiusi fino alle 12:00 oggi in segno di solidarietà, compresi ministeri, uffici di autorità locali, tribunali e la Procura della Repubblica, la borsa valori, banche, servizi pubblici, cliniche sanitarie, i porti di Ashdod e Haifa. I voli mattutini programmati all’aeroporto di Ben Gurion hanno subito ritardi e cancellazioni. Questo vuol dire toccare Teva in Israele. L’azienda è stata duramente colpita dalla scadenza dei brevetti sul suo farmaco dal maggior successo commerciale, il Copaxone, dall’aumento dei competitor rispetto ai farmaci generici e dal dover far fronte a un debito di 35 miliardi di dollari. L’obiettivo dei tagli è ridurre i costi di 3 miliardi di dollari entro la fine del 2019, rispetto ai 16,1 miliardi di dollari stimati per quest‘anno.

Leggi tuttoil servizio online per turisti rende difficile il mercato degli affitti

Perché a Tel Aviv i giovani non vogliono Airbnb

Nel 2017 il noto portale Airbnb, che consente di scegliere e prenotare un bed and breakfast in tutto il mondo, ha stabilito in Israele, dove è in rapida espansione, un record ineguagliato: si stima che il 50% dei turisti che hanno soggiornato a Tel Aviv abbia alloggiato presso abitazioni prenotate tramite Airbnb. Questi risultati stanno però creando polemiche e una sollevazione da parte dei residenti della città. Quali sono i motivi del successo del portale e quali i motivi delle proteste? Premesso che Airbnb si sta espandendo rapidamente in quasi tutti i paesi dove è autorizzato, il motivo del primato stabilito a Tel Aviv è da ricercare principalmente nel fatto che in questa città mancano notoriamente alberghi di fascia intermedia (due o tre stelle) con standard qualitativi adeguati mentre quelli di fascia alta (4 o 5 stelle) hanno prezzi stratosferici, come molti lettori avranno sperimentato.
Un’altra caratteristica del mercato di Airbnb a Tel Aviv è rappresentato dal fatto che il portale offre 8.000 alloggi, che rappresentano una quota non piccola (il 5%) del numero complessivo di alloggi esistenti in città; inoltre circa due terzi di questi 8.000 alloggi è gestito da agenzie e non dai diretti proprietari. Questi due dati hanno una importante implicazione: il servizio online può avere un impatto sui prezzi di tutto il mercato immobiliare della città.

Aviram Levy, economista

l’azione discriminatoria di kuwait airways contro un israeliano

Discriminazioni ad alta quota

im Yitzhak Kaduri’s MessiahIn risposta fabio( 19.12.2017 | https://it.sputniknews.com/mondo/201712195418580-FSB-siria-iraq/
fabio, che mi dici di questa notizia? l’azione discriminatoria di kuwait airways contro un israeliano.. Può un Paese europeo, una democrazia occidentale, consentire a una compagnia che, per quanto straniera, operi sul suo territorio di discriminare attivamente i cittadini israeliani? Parrebbe di sì. Qualche tempo fa un tizio, un cittadino israeliano residente in Germania, ha comperato un biglietto Francoforte-Bangkok. Quando s’è presentato all’imbarco però non l’hanno fatto salire. Il perché? Il volo era di Kuwait Airways e lui era israeliano. Il Kuwait, infatti, non solo ha rapporti diplomatici con Israele ma proibisce anche, con una legge ad hoc, alle sue compagnia di interagire con gli israeliani. Il tizio ha portato la faccenda a una corte tedesca: era un evidente caso di discriminazione. I giudici però hanno dato ragione a Kuwait Airways. La motivazione era che la società rispondeva a una legge straniera. Ora, quello che rende questa faccenda un precedente gravissimo non è che il Kuwait abbia una legge che impone di discriminare i cittadini israeliani. La cosa grave è che una democrazia occidentale permetta che questa legge venga applicata sul suo suolo. Centra anche poco la questione dei boicottaggi a Israele: questo non era un boicottaggio economico, era la discriminazione di un cliente, qualcosa che non dovrebbe essere tollerato in una democrazia. Qualcuno ha provato a dire che non si tratta di antisemitismo perché era una discriminazione di una nazionalità e non di un gruppo etnico-religioso. Primo, la cosa continua puzzare di antisemitismo.
Anna Momigliano

Leggi tutto

il problema delle diseguaglianze si sta accentuando anche in israele

Un Paese che corre a due velocità

In economia nulla è assicurato una volta per sempre. Allo stato attuale delle cose, Israele attira circa il 15% degli investimenti planetari di venture capital nel settore della sicurezza e dell’innovazione informatica. Altri settori estremamente promettenti sono quelli della tecnologia agricola e idrica, i servizi sanitari digitalizzati e la tecnologia finanziaria. Insieme alla Silicon Valley (che potrebbe tranquillamente secessionare dagli Usa, per quanto riguarda le sue dinamiche di evoluzione, essendo un soggetto a sé rispetto al resto del Paese), il distretto industriale e tecnologico di Tel Aviv costituisce il secondo ecosistema dell’innovazione più dinamico al mondo. Lo testimoniano i voli diretti tra San Francisco e Tel Aviv. Eppure, poco più di trent’anni fa le cose non stavano per nulla in questo modo. Ancora negli anni Ottanta il rischio di un default delle finanze pubbliche era immediatamente dietro l’angolo. Dopo la guerra di Yom Kippur la spesa per la difesa era salita al 30% del Prodotto interno lordo. Nel 1984 il debito pubblico ammontava a circa il 300% del Pil mentre il tasso inflattivo aveva raggiunto il livello record del 450% l’anno. Roba da rimanere strozzati con le proprie stesse mani. Nell’ultimo decennio il debito si è assestato fisiologicamente al 62% del Pil, l’economia cresce ad un tasso medio tra il 3 e il 4% annuo, la disoccupazione viaggia intorno al 4,3%, la bilancia dei pagamenti è in attivo, la moneta nazionale si è rivalutata in due anni del 13%. Israele non ha subito nessuna fase recessiva (due trimestri consecutivi di produzione in calo) dal 2000 in poi.

Claudio Vercelli

Leggi tutto

Articoli correlati

Il destino delle spese militari Usa
Quelle commesse a rischio Secondo alcune indiscrezioni pubblicate nelle scorse settimane dal quotidiano israeliano Globes, il governo di Washington avrebbe chiesto al Ministero della Difesa israeliano di spendere interamente presso aziende militari statunitensi i…

Israele – I benefici (economici) della pace La pace con i palestinesi può far crescere di almeno 5 punti percentuali il Pil di Israele. A dirlo, nel 2010, l’allora governatore della Banca centrale d’Israele Stanley Fischer, oggi…

Netanyahu respinge le critiche della Ong Human Rights watch Secondo il premier israeliano Benyamin Netanyahu, pecca di “ipocrisia”, la Ong per la difesa dei diritti umani ‘Human Rights Watch’ (Hrw) che ieri ha pubblicato un rapporto molto critico sulla…

Il boicottaggio e l’antisemitismo Nella storia tragica e grottesca dell’antisemitismo riaffiora periodicamente la minaccia del boicottaggio socioeconomico: contro i negozi degli ebrei e contro l’acquisto di prodotti provenienti da Israele, senza dimenticare il numerus…

An Israeli child presses a written prayer into the Western (Wailing) Wall in Jerusalem.

Shalom Lorenzo,

“He who is kind to the poor lends to the LORD, and He will reward him for what he has done.” (Proverbs 19:17)

Did you know that last night, over 800,000 Israeli children went to bed hungry?

According to the 2017 Alternative Poverty Report by the Latet organization, some 2.5 million Israelis live under the poverty line. That includes 1.46 million adults and 1.06 million children.

One in three children here in the Holy Land lives in poverty!

Every third Israeli child lives in poverty.

Here are some startling statistics:

15% of Israelis are homeless;

Ashamed of their poverty, 58% don’t invite friends to their homes, and 13% have tried to commit suicide as a direct result of their financial status;

9.2% of those who receive aid, beg or scavenge for food, while 70% can’t afford to buy medicine;

Over 50% of impoverished children can’t afford to buy school books or supplies;

Over 90% of imporverished elderly can’t afford at-home nursing care or basic necessities to live in dignity; and

Over 50% of these elderly can’t afford medicine or treatments, so they often live out the rest of their lives in poor health.

Lorenzo, please click now to give a special gift for Israel’s Poor during this special holiday season

A homeless man begs for coins in a street in Israel.

Here at Bibles For Israel, we are helping the homeless, elderly, single parents, disabled, and the poor through your special gifts.

We believe that we give children hope for a brighter tomorrow when we help single mothers with transportation and clothes for them and their children. They know they can come to us when they don’t have enough money for school, clothing, and activities.

THERE ARE SO MANY CRITICAL NEEDS we need Your Help.

The people we assist are grateful that you are out there giving generously. Here is what a few people have told us:

“Thank you very much for paying for my rent when I could not afford to. You gave me my Hanukkah miracle!” (Natasia from Jerusalem)

“My 7 children and wife thank you so much for helping feed us this month!” (Efraim from Herzliya)

“I don’t know how to say thank you to the partners of Bibles For Israel; words cannot describe my gratitude.” (Amir from Tel Aviv)

A homeless man prays at the Western (Wailing) Wall

There are over 300 verses about the poor in the Bible, which goes to show that this is an issue very much on the Lord’s heart.

“Truly I tell you, anyone who gives you a cup of water in My name because you belong to the Messiah will certainly not lose their reward.” (Mark 9:41)

During this Hanukkah season, as we remember the supernatural blessings we have received, let us remember to bless those in need.

In appreciation of all that the Lord has done, can you send a special love offering to help Israelis in need?

“A generous man will himself be blessed, for he shares his food with the poor.” (Proverbs 22:9)

Lorenzo, please click now during this special Holiday Season to help the poor & needy in Israel with your best gift of $100, $250, $500 or $1,000

Click Now to Help the Poor

P.S. Your Special Year-End Tax Deductible Gift will help you save on your 2017 Taxes while helping the Poor in Israel!

«Siate buoni “fotografi” della vita»

Come ci si deve preparare a ricevere l’Eucaristia?

“Non c’è missione senza prossimitàˮ

III Domenica di Avvento – Anno B – 17 dicembre 2017

“Siamo figli e non schiavi, un peccato perdere il riposo domenicale” Newsletter del 12/18/2017:

I giovani di Terra Santa verso il Sinodo, per “una Chiesa vicina ai poveri e aperta ai laici”. La paura della crescita dell’Islam politico

“Senza Gesù il Natale è una festa vuota”

Precedente in internet insieme al nome di Giacinto Auriti Successivo nipotini di Mohammed, Stalin e Mao

Un commento su “uccidete il boia dei cristiani

  1. Maybe we should make it so that if ANY illegal person is caught in the US and they have been here 5 years or less or don’t have dependent children should be deported (because they wouldn’t have kids in school) and if that illegal person is ever caught illegally here again they will NEVER be able to apply for citizenship, EVER!  Any illegal caught here illegally goes home and their chances for becoming citizens is gone, forever if they come back the wrong way!!  Period!
    faux pendentif cartier love [url=http://www.bestcalovebracelet.cn/fr/copie-cartier-love-or-rose-collier-conception-de-vis-avec-pendentif-p-127.html]faux pendentif cartier love[/url]

I commenti sono chiusi.